ArtBIT. Musei che suonano

Prosegue ArtBIT – Musei che suonano, il progetto ideato e curato dall’associazione salentina Swapmuseum attiva nel campo dei processi partecipativi nella cultura con l’obiettivo di divulgare l’arte presso i giovani e permetterne la fruizione anche attraverso nuovi linguaggi.
Il laboratorio itinerante di musica elettronica che “fa suonare” le opere d’arte approda al Museo Diffuso di Cavallino, in provincia di Lecce.
Sabato 16 e domenica 17 settembre a partire dalle 18 (ingresso libero) spazio a installazioni, live e performance come momento di restituzione del laboratorio condotto da Giorgio Distante, trombettista compositore e sperimentatore pugliese, noto in ambito jazz, etnico ed elettronico, che ha all’attivo numerosi progetti e collaborazioni musicali in ambito nazionale e internazionale.

Il laboratorio si è svolto nei giorni scorsi e ha coinvolto giovani tra i 16 e i 30 anni che, dopo aver appreso i contenuti delle collezioni museali, hanno raccolto attraverso l’utilizzo di sensori i suoni provenienti da statue e reperti, integrandoli poi con i suoni ambientali. Il risultato del lavoro è una traccia musicale ispirata al museo che sarà presentata al pubblico nel corso delle due serate.
Tra gli appuntamenti in programma per sabato 16 settembre anche il concerto di Giorgio Distante (ore 21.00), nel corso delle due serate spazio alla performance di danza contemporanea Dancing Museum di Erika Schipa e Betti Rollo e alla Quite Zone per ascoltare la sonorizzazione del museo in cuffia.

Per tutto il  week-end inoltre visite guidate gratuite al Museo Diffuso a cura della Cooperativa “Sigismondo Castromediando” (sabato alle 18.00 e domenica dalle  10.30 alle 17.30 – per prenotazioni: info@swapmuseum.com).

ArtBit – Musei che suonano è sostenuto da Unione Europea, Regione Puglia, Pugliapromozione ed è un’attività finanziata dal POR FESR-FSE-2014 -2020 – Azione 6.8 – Asse VI – “In Puglia 365 Estate”, partner del progetto sono Pugliamusei e CoolClub.it.

(fonte: comunicato stampa)

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Enjoy this blog? Please spread the word :)