Da Eschilo a Goldoni con lo storico Roberto Tessari

Proseguono gli appuntamenti organizzati da Astragali Teatro per promuovere la conoscenza delle pratiche teatrali e per favorire la formazione del pubblico. Giovedì 19 ottobre (ore 19 – ingresso libero) al Teatro Paisiello di Lecce incontro con Roberto Tessari, uno dei più grandi storici italiani di teatro, professore ordinario di Drammaturgia teatrale al Dams dell’Università di Torino. Tessari parlerà della Drammaturgia da Eschilo a Goldoni, un tema che è stato al centro anche di un suo fortunato volume pubblicato da Laterza.

Dalle forme teatrali della classicità greco-latina alle sacre rappresentazioni medievali, ai comici dell’arte, a Shakespeare, al teatro del Settecento. Una nuova originale storia dei modelli drammaturgici rapportati alle condizioni della scena del tempo: committenza, pubblico, spazio, attori, convenzioni rappresentative. Quest’opera è una rappresentazione delle diverse istanze rappresentative dell’immaginario di un’epoca così come si sono venute configurando a seconda del contesto socio-politico-culturale: talvolta in forma di consenso, talaltra in forma di provocazione, nei confronti dei generi di spettacolo in quell’epoca esistenti.

Sabato 21 ottobre (ore 17 – ingresso libero) Roberto Tessari sarà alle Distillerie De Giorgi di San Cesario di Lecce, nell’ambito della rassegna “MagicaMente in lettura” organizzata dal Comune per Ottobre Piovono libri, per un incontro con Dmitry Trubotchkin (Vice Direttore dell’Accademia Teatrale Kostantin Raykin di Mosca) e Fabio Tolledi (direttore artistico di Astragali e vicepresidente della rete mondiale dell’International Theatre Institute – Unesco). I tre relatori discuteranno  del  teatro russo e del teatro italiano, con un approfondimento in particolare sull’avanguardia e sul sistema di Stanislavskij, riferimento in Russia per una estetica non naturalistica. Info 3209168440teatro@astragali.org

Roberto Tessari, classe 1943, tra il 1969 e il 1974, ha collaborato alle attività dell’Istituto di Storia e Critica del Cinema e dello Spettacolo della Facoltà di Magistero di Torino. Nel 1971 è stato nominato, dal Ministero della Cultura francese, Maître de conférences associé per l’insegnamento di Lingua e Letteratura Italiana presso la Facoltà di Sciences Humaines dell’Università di Saint-Etienne: mansione che ha svolto per due anni accademici. Nel 1973 ha pubblicato “Il mito della macchina. Letteratura e industria nel primo Novecento italiano” (Milano, Mursia). A questo volume, unitamente a quello dedicato alla Commedia dell’Arte (La Commedia dell’Arte nel Seicento), nel 1975 l’Accademia delle Scienze di Torino ha conferito il Premio Bonavera per la Letteratura. Dal 1980 al 1989 ha insegnato Storia del teatro presso l’Università di Pisa. Dal 1989 al 1993 è stato titolare di Storia del teatro e dello spettacolo all’Università di Cosenza. Ha tenuto, su invito di cattedre relative a discipline sia letterarie sia teatrali, lezioni e cicli di lezioni presso le università di Bologna (1978, 1986), Milano (Statale 1985), Verona (1986), Lyon (1972), Frankfurt (1982), San Paolo (1989), Rio de Janeiro (1989, 2006), Budapest (1995), Atene (1996), Middlebury (USA, 2002), Avignon (2004), e presso l’Istituto Statale di Storia del Teatro “A.V. Lunaciarskij” di Mosca (1990). Dal 1964 al 1979 ha partecipato alle attività del Teatro Stabile di Torino, cooperando alla realizzazione dei primi “Quaderni”. A partire dal 1980, e sino al 1990, ha curato, per il Settore Scuola e Ricerca dell’Associazione Teatro Verdi di Pisa, il programma pluriennale “Fare Teatro” (realizzato in collaborazione con il Ministero del Turismo e dello Spettacolo), dedicato all’approfondimento teorico e alla comunicazione didattica delle maggiori espressioni tecniche ed artistiche dello spettacolo contemporaneo. Dal 1990 al 1992 è stato Presidente Onorario dell’Atelier della Costa Ovest di Collesalvetti (Livorno). Dal 1990 al 1993, è stato membro attivo e consigliere di amministrazione del Centre International de Dramaturgie di Parigi. Dal 1994 al 1998 è stato Direttore del Centro Regionale Universitario per il Teatro di Torino. Dal 2000 al 2003 è stato Presidente dell’Associazione Docenti Universitari Italiani di Teatro (A.D.U.I.T.), e ne ha guidato la trasformazione in Consulta Universitaria Teatrale (C.U.T.). Nel 2001 è stato direttore artistico del Festival di Mantova “L’Arlecchino d’oro”. Dal 1990 al 1993 è stato direttore del Dipartimento di discipline artistiche dell’Università della Calabria. Dal 1994 al 2004 è stato docente di Storia del teatro presso la scuola del Teatro Stabile di Torino diretta da Luca Ronconi. Dal 2001 al 2004 è stato direttore del Dipartimento di discipline artistiche, musicali e dello spettacolo dell’Università di Torino. Ha collaborato e collabora alle riviste: “La fiera letteraria”, “Lettere Italiane”, “Revue des études italiennes”, “Europe”, “Cinema nuovo”, “Il ponte”, “Scena”, “Quarta parete”, “Quaderni di teatro” (dal 1986, in veste di membro della redazione), “Sipario”, “New Theatre Quarterly”, “L’indice”, “Teatro in Europa”, “Culture teatrali”, “Teatro/pubblico”, “Etinforma”. È redattore della rivista “Il castello di Elsinore”. È condirettore della rivista di studi pirandelliani “Angelo di fuoco”. È condirettore delle collane di studi sullo spettacolo: “Caverna e Skene”, per le Edizioni Tecnico Scientifiche di Pisa; “Studi di storia del teatro e dello spettacolo”, per Costa & Nolan (Genova); “Maschere dell’immaginario”, per Pacini Fazzi (Lucca).

Astràgali nasce nel 1981 a Lecce per fare teatro, per formare attori, per dare vita ad uno spazio di circolazione dei discorsi e delle pratiche, per elaborare progettualità, per tessere trame e relazioni. Dal 1985 è riconosciuto dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali come compagnia teatrale d’innovazione. Dal 2012 è sede del Centro Italiano dell’International Theatre Institute dell’Unesco. È membro della Anna Lindh Euro-Mediterranean Foundation for the Dialogue between Cultures. Ha realizzato progetti artistici, spettacoli, attività in circa 30 paesi in tutto il mondo.

(fonte: comunicato stampa)

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Enjoy this blog? Please spread the word :)