Claxon Fest, music indipendente all’Istanbul Cafè


Al via Claxon Fest, la prima edizione del festival di musica indipendente organizzato da XO La Factory che sabato 21 ottobre (ore 22.00, ingresso 3 euro) porterà sul palco dell’Istanbul Cafè di Squinzano, in provincia di Lecce, alcune delle formazioni più interessanti del panorama pugliese.
Amerigo Verardi, Marco Ancona, Heidi for President, le band headliner della serata che si alterneranno nello storico club salentino con Noon, Teenage Riot, MinimAnimalist, Chiara Turco “Per una grande notte dedicata alla musica, a chi “la fa” per passione, a chi ancora ci crede e vuole risvegliare la voglia di sognare” dicono gli organizzatori.
Ad aprire la serata il cantautore, musicista e produtt

ore brindisino Amerigo Verardi. Acclamato dalla critica e con alle spalle una carriera trentennale, ha cominciato il suo percorso artistico da giovanissimo con gli Allison Run, “alfieri della neo-psichedelia” – scrive il magazine Rock.it – “grazie al LP God was completely deaf unanimemente considerato un capolavoro pop-rockapprezzati fino in Inghilterra”. Poi è stata la volta dei Lula e dei Lotus e poi ancora del progetto in coppia con Marco Ancona per “Bootleg- Oliando la macchina” e “Il diavolo sta nei dettagli”. Si è aggiudicato importanti riconoscimenti musicali, tra cui il premio MEI come miglior produttore artistico, e ha collaborato con artisti del calibro di Carmen Consoli, Dente, Baustelle, Manuel Agnelli, Virginiana Miller, Federico Fiumani e molti altri. Con il suo ultimo lavoro “Hippie dixit”, si conferma come uno tra i più brillanti e influenti nomi della scena alternativa italiana e non solo.
Sul palco della lunga notte del Claxon Fest anche il cantante, autore, strumentista e produttore Marco Ancona, “uno degli artisti cardine della scena underground italiana” scrive Rolling Stone, ha dato vita a Bludinvidia, Fonokit, a Amerigo Verardi & Marco Ancona, progetti molto apprezzati dalla critica e premiati dal pubblico, con i quali ha pubblicato diversi lavori e tenuto innumerevoli concerti. Quando resta solo il nome, pubblicatonei primi mesi del 2017, inaugura un percorso artistico che prende vita all’interno di XO Records – la sua nuova factory fondata con Giuseppe Gioia, già attivo con XO Booking da diversi anni – proseguendo in quella ricerca sonora di matrice indie-rock supportata da testi dal carattere visionario che lo hanno costantemente contraddistinto nei suoi precedenti progetti.
Sonorità indie folk alternative per gli Heidi For President, il trio composto da Danilo Vona (voce), Annarella Flemma (voce) e Sergio Leo (Chitarra acustica) che ha esordito con l’album Nostrils, edito da La Rivolta Records, preceduto dal singolo Whom accompagnato dal videoclip diretto da Leo Pichierri e Jacopo Dimitri, pubblicato in anteprima su Rolling Stone. Un lavoro a tratti autobiografico sulla scia di sonorità islandesi con incursioni british da cui nasce un in
die folk di deriva post rock, dove i silenzi nordici sono inondati dalla luce del sud. Nel disco il trio è affiancato da Paolo Del Vitto (batteria), Dario Ancona (basso), Roberto Mangialardo (chitarra elettrica, chitarra acustica, ukulele), Alice Diviggiano e Mariarita Durante (violino), Andrea Caputo (viola) e Gabriele Musio (violoncello).

Di scena anche i Noon, progetto musicale che nasce nel 2015 composto da Lorenzo Forte (voce, chitarra acustica) Antonio Tunno (chitarra, cori), Marco Verardo (basso) e Fabrizio Gualtieri (batteria). Il quartetto propone un mix di sonorità che attingono alle suggestioni nord-europee e alla tradizione musicale italiana con melodie pop e chitarre a tratti morbide, a tratti taglienti e psichedeliche. Nel 2016 hanno registrano il primo album, con la produzione artistica e la collaborazione di Roberto Dell’Era. Tra post punk e noise, a calcare il palco dell’Instanbul Cafè, ci sono anche i Teenage Riot  – Cristiano Metrangolo alla chitarra, Stefano Greco al basso e Luca Greco alla batteria – il trio che nel corso degli anni si è fatto spazio nella scena musicale underground esibendosi nei maggiori circoli, club e festival musicali. Il loro primo disco, uscito nel 2015 è  “Scimmie sulla Luna”, prodotto dalla Rivolta Records. Rock e Stoner sono invece la cifra stilistica del duo MinimAnimalist formato da Davide Bianco e Fabio Cazzetta, rispettivamente chitarra e batteria. Una dicotomia che non sta solo nel numero dei componenti di questa band ma anche nel loro approccio alla musica. Le rispettive anime dei MinimAnimalist si integrano riuscendo a creare un equilibrio perfetto, umano prima ancora che sonoro, “Ora o mai più” – il loro primo album – è la sintesi di questo equilibrio: stoner e psichedelia da un lato, rock dall’altro.
Nel corso del festival spazio alla voce e alla chitarra di Chiara Turco, cantautrice della provincia di Taranto, dalle influenze che attraversano il rock, il blues, il mondo elettronico e sperimentale. Da polistrumentista Chiara accompagna la sua voce con chitarra, bouzouki irlandese, ukulele, dulcimer e le sue ultime produzioni guardano verso la musica elettronica attraverso l’uso di loop station. Nel 2014 è stato pubblicato il suo primo lavoro discografico, un progetto omonimo e interamente autoprodotto.

La serata si concluderà con Music in the Jungle, dj-set tra reggae, Hip-Hop, Funk, Cumbia, Balkan, Rock’n’Roll, Drum’n’Bass, Electro.

XO La Factory è un collettivo indipendente leccese che si occupa di booking, managment e produzioni con l’intento di promuovere la scena indipendente italiana, collaborando con i musicisti e con chi si occupa coraggiosamente, di ospitare musica dal vivo

(fonte: comunicato stampa)

 

Istanbul Cafè
Via Stazione 18, Squinzano (LE)

Ingresso 3 euro
Info: 388.4875422

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Enjoy this blog? Please spread the word :)