Torna il Festival del Cinema Europeo dedicato a Cristina Soldano

A Lecce il Festival del Cinema Europeo, dal 9 al 14 aprile al Multisala Massimo

di Antonietta Fulvio

Sarà dedicata a Cristina Soldano, direttrice artistica sin dalla prima edizione, il Festival del Cinema Europeo 2018. In sua memoria sarà conferito  il premio più importante, l’Ulivo d’Oro, che da quest’annosi intitolerà Premio Cristina Soldano al Miglior Film. Diciannove anni fa, partì da Corato la prima edizione del Festival del Cinema europeo ideato da Alberto La Monica che  l’anno dopo volle trasferire la kermesse a Lecce, sua città natale, per farne nel tempo uno degli appuntamenti più accreditati dedicati al cinema d’autore con uno sguardo rivolto all’Europa.

Inserita nel circuito della rete dei festival, come ha precisato l’assessore regionale Loredana Capone, il FCE è un’occasione di rilancio non solo culturale ma anche economico per la Puglia e in particolare per il Salento ormai meta privilegiata dai registi per le sue bellezze naturali e artistiche. “Il cinema – ha precisato in conferenza stampa l’assessore comunale alla cultura Antonella Agnoli ricordando le esperienze vissute in prima persona a Venezia, Pesaro e Bologna- “oggi vive una situazione di grande ricchezza  come quella presentata ma contemporaneamente anche di chiusura delle sale cinematografiche e di fruizione individuale a casa (Netflix) per me forse è l’unica grande manifestazione sociale che le persone hanno voglia di fare insieme” . Nel suo intervento l’assessore Agnoli ha rilanciato l’idea di fare quest’estate delle proiezioni di cinema all’aperto ai Teatini e magari anche alle marine. “Magari quei film che portiamo all’interno del festival del cinema europeo qualcuno possa passare anche durante l’estate, film anche in lingua straniera, perché gli stranieri che passano lungo il corso possano fermarsi, entrare nel chiostro al silenzio e vivere quest’esperienza collettiva insieme agli altri. Credo – ha concluso – che  questo festival deve trovare in  tutto l’anno la sua possibilità di vivere”.


Un augurio condiviso da tutta la città che si appresta a vivere dal 9 al 14 aprile, al Multisala Massimo, la XIX edizione del festival  accogliendo i suoi protagonisti  – Ildikó Enyedi, Michael Winterbottom insieme a Kim Rossi Stuart e Jasmine Trinca. 

 

La XIX edizione del Festival si aprirà con l’anteprima del nuovo film di Nico Cirasola Rudy Valentino con Pietro Masotti, Tatiana Luter, Claudia Cardinale, Alessandro Haber, Nicola Nocella, Luca Michele Cirasola, Rosaria Russo. Rudy Valentino racconta, fra realtà e fantasia, il ritorno nell’estate del 1923 di Rodolfo Valentino a Castellaneta, il suo paese natale. Il film sarà nelle sale il prossimo maggio. Sempre in anteprima fuori concorso saranno presentati Respiri di Alfredo Fiorillo, un thriller con Alessio Boni, Pino Calabrese ed Eva Grimaldi che saranno al Festival, e Broken di e con Edmond Budina che presenterà in sala la pellicola.

In occasione del 50° anniversario del Sessantotto, la manifestazione dedica un omaggio con la proiezione di cinque film scelti da Luciana Castellina e Carlo Verdone. “Celebrare gli anniversari non è retorico, è utile: aiuta a riflettere sul passato e – se il ricordo non è contraffatto – a liberare la memoria di chi ha vissuto l’avvenimento dal mito e a far capire a chi è nato dopo di cosa si sia trattato” – sottolineano i curatori. “Tanto più interessante è l’operazione quando viene celebrato un fatto che non si è esaurito in un giorno ma è durato un tempo lungo che, piaccia o non piaccia, ha segnato una generazione in tutto il mondo. Il 1968 – che proprio per indicare che è stata una stagione e non un anno solo viene ormai scritto “sessantotto” – è uno di questi eventi. Cominciato 50 anni fa”.

E veniamo ai protagonisti del cinema europeo.

Regista, sceneggiatore, produttore, tra i più eclettici autori della scena britannica, Michael Winterbotto

m è un autore che più di tutti si è cimentato con grande forza inventiva in differenti generi cinematografici. Talento prolifico, ma mai superficiale, il regista ha spesso scelto uno stile narrativo a metà strada tra realtà documentaria e finzione. Nel corso degli anni, grazie al suo stile sperimentale e sempre originale, è diventato molto noto anche nel circuito del cinema indipendente.

Dopo gli inizi come regista per il piccolo schermo, Winterbottom ha esordito nel cinema nel 1990 con Forget About Me raggiungendo il successo nel 1995 con Butterfly Kiss. Numerosi i riconoscimenti che ha ottenuto nel corso della sua carriera: nel 2003 Orso d’Oro al Festival di Berlino con In This World (Cose di questo mondo, 2002) e nel 2006 Orso d’Argento (insieme a M. Whitercross) con The Road to Guantanamo (2006), nel 2007 a Cannes ha ricevuto il Premio “François Chalais” dedicato a pellicole che documentano la realtà sociale nel mondo per A Mighty Heart. Nel 2008 al San Sebastiàn IFF ha vinto il Premio per la Miglior Regia con Genova (2008), in cui la città rappresenta l’inizio di una nuova vita per un uomo da poco vedovo (Colin Firth) e le sue due giovani figlie.

La sua ultima opera On the Road (2017), a cavallo tra documentario e film di finzione, è stata presentata al Festival di Berlino nel 2017.

Attualmente il regista è impegnato con Greed, una satira sul mondo dei super ricchi e sulla loro apparentemente insaziabile avidità, interpretata da Sacha Baron Cohen, il cui personaggio emula il miliardario Green Philip, a capo della catena dei grandi magazzini BHS; e con The Wedding Guest con Dev Patel: il film è girato in India paese con il quale il regista intrattiene da anni un rapporto e dove ha già realizzatoTrishna, parti dei film Codice 46 (2003) e A Mighty Heart (2006).

La sera di giovedì 10 aprile riceverà l’Ulivo d’Oro alla Carriera e sarà presentato al pubblico del Festival da Luca Bandirali, che introdurrà il suo film In This World (Cose di questo mondo, 2002) vincitore nel 2003 dell’Orso d’Oro al Festival di Berlino.

I film in programma: Jude (1996), Welcome to Sarajevo (1997), Wonderland (1999), The Claim (2000), 24 Hour Party People (2002), In This World (2002), The Road to Guantanamo (2006), Genova (2008), The Killer Inside Me (2010), Meredith – The Face of an Angel(2014).

 Venerdì 13 aprile arriverà a Lecce il regista  ILDIKÓ ENYEDI al quale il festival renderà omaggio presentando la retrospettiva completa dei suoi film, compresa la copia restaurata de Il mio XX secolo, in anteprima mondiale alla trascorsa edizione della Berlinale.

E proprio con Il mio XX secolo, sua opera prima, che la regista si è aggiudicata al Festival di Cannes la Caméra d’Or. Il film viene annoverato tra le migliori pellicole ungheresi di tutti i tempi. Enyedi ha partecipato a molti festival, tra i quali Venezia, nel 1994, in concorso con Magic Hunter e Locarno nel 1999 con Simon mágus, film con cui nel 2000 ha vinto l’Ulivo d’Oro alla prima edizione del Festival del Cinema Europeo. Attualmente Enyedi è impegnata con The Story of My Wife: Léa Seydoux suo primo film in lingua inglese con l’attrice francese Léa Seydoux e il norvegese Anders Baasmo Christiansen.

La sera del 13 aprile, nel corso di un incontro con il pubblico moderato da Massimo Causo, Ildikó Enyedi riceverà l’Ulivo d’Oro alla carrierae introdurrà Corpo e anima (On Body and Soul, 2017) il suo ultimo film, Orso d’Oro alla Berlinale 2017 e candidato Oscar come miglior film straniero quest’anno.

Oltre ai già citati Il mio XX secolo (1988) e Corpo e anima (2017), la retrospettiva comprende Vakond (1987), Magic Hunter (1994), Tamas et Juli (1997), Simon mágus (1999).

I PROTAGONISTI DEL CINEMA ITALIANO saranno Kim Rossi Stuart | Jasmine Trinca

Giovedì 12 aprile sarà la volta di Kim Rossi Stuart eclettico attore e regista, che tutti ricorderanno agli esordi  con la miniserie tv Fantaghirò di Lamberto Bava. Dopo piccoli ruoli in film di spessore come Il nome della rosa di Jean-Jacques Annaud e una prova d’attore con il Franco Brusati in Lo zio indegno è con Senza pelle di Alessandro D’Alatri e Cuore cattivo di Umberto Marino che si impone tra i nuovi talenti del cinema italiano. D’Alatri gli affida il ruolo di Gesù ne I giardini dell’Eden per il quale ottiene alla Mostra del Cinema di Venezia il Premio Pasinetti. Ma il vero e unanime riconoscimento arriva nel 2004 con Le chiavi di casa di Gianni Amelio che gli vale ancora una volta il Premio Pasinetti alla Mostra del Cinema di Venezia, un Nastro d’Argento, un Golden Globe e il premio miglior attore anche al Festival di Valencia; poi con Romanzo criminale di Michele Placido, ancora un Nastro d’Argento. Rossi Stuart ha sempre preferito i film d’autore e il cinema impegnato, costellando la sua carriera di successi, sempre diretto da grandi registi: Roberto Benigni lo ha voluto come Lucignolo nel suo Pinocchio; è stato sul set di Al di là delle nuvole firmato da Michelangelo Antonioni e Wim Wenders; con Carlo Mazzacurati ha interpretato Un’altra vita. Michele Placido lo chiama di nuovo per ricoprire il ruolo di Renato Vallanzasca in Vallanzasca – Gli angeli del male per il quale si aggiudica un altro Nastro d’Argento, il Ciak d’Oro e il Premio Ennio Flaiano. Nello stesso anno (2010) Rossi Stuart è in Questione di cuore di Francesca Archibugi, ePiano, solo di Riccardo Milani per il quale vince il premio come migliore attore al Bastia Italian Film Festival. Daniele Luchetti lo vuole per interpretare suo padre in Anni felici, parzialmente autobiografico.

È del 2005 il suo esordio alla regia con Anche libero va bene, presentato al Festival del Cinema di Cannes e con il quale ottiene il Premio Miglior regista esordiente ai David di Donatello e numerosi altri riconoscimenti a Festival nazionali e internazionali; nel 2016 presenta Tommaso suo secondo film dietro la macchina da presa fuori concorso alla 73ª Mostra del Cinema di Venezia. Il teatro è comunque sempre rimasto saldo nei suoi progetti.

Giovedì 12 aprile, Kim Rossi Stuart incontra il pubblico, presentato da Enrico Magrelli, e riceverà l’Ulivo d’Oro alla carriera.

Il Festival del Cinema Europeo presenta una selezione di dieci film che in particolare hanno segnato la sua carriera, tra cui i due titoli da lui diretti: Il ragazzo dal kimono d’oro di Fabrizio De Angelis (1987), Senza pelle di Alessandro D’Alatri (1994), Cuore cattivo di Umberto Marino (1995), Le chiavi di casa di Gianni Amelio (2004), Anche libero va bene di Kim Rossi Stuart (2005), Romanzo criminale di Michele Placido (2005), Piano, solo di Riccardo Milani (2007), Questione di cuore di Francesca Archibugi (2009), Vallanzasca – Gli angeli del male di Michele Placido (2010), Tommaso di Kim Rossi Stuart (2016).

Sabato 14 aprile sarà la volta di  Jasmine Trinca, con il suo ultimo film, Fortunata di Sergio Castellitto, dopo il Premio come migliore attrice nella sezione Un Certain Regard al Festival di Cannes e il Nastro d’Argento nel 2017 si è aggiudicata il David di Donatello 2018.

Nessuno si salva da solo (2015), sempre di Castellitto, le è valso la candidatura sia ai David di Donatello sia ai Nastri d’Argento. Per una giovane ragazza scelta tra migliaia di liceali per La stanza del figlio, e che aveva altre idee per il proprio futuro, quello del cinema è stato sicuramente un percorso brillante costellato da grandi prove attoriali che le hanno fatto conquistare numerosi e importanti riconoscimenti. Nel 2003 ha ricevuto insieme a tutto il cast al femminile ancora un Nastro d’Argento per La meglio gioventù di Marco Tullio Giordana. Due anni dopo, nel 2006 è ancora Nanni Moretti a volerla ne Il caimano. Nel 2009 è alla Mostra del Cinema di Venezia con Il grande sogno di Michele Placido (con il quale girerà anche Romanzo criminale) pellicola per la quale conquista il Premio Marcello Mastroianni. Altri due Nastri d’Argento nel 2013: uno per Un giorno devi andare di Giorgio Diritti e uno per Miele di Valeria Golino. Una filmografia, quella della Trinca, che vanta oltre 20 titoli firmati dai più grandi autori del nostro cinema, oltre ai già citati: Riccardo Milani (Piano, solo), Paolo e Vittorio Taviani (Maraviglioso Boccaccio), solo per ricordarne alcuni. Ha interpretato anche alcuni corti (per Francesca Archibugi e Valerio Mastandrea) e serie tv. Al di là del nostro cinema la vediamo in Ultimatum di Alain Tasma, inThe Gunman di Pierre Morel e in Saint Laurent di Bertrand Bonello. Attualmente l’attrice ha in post produzione due titoli italiani, Euphoria di Valeria Golino e Sulla mia pelle di Alessio Cremonini in cui interpreta Ilaria Cucchi. Sarà impegnata anche sul set di due film girati all’esteroThe Man Who Saved Paris del canadese Robert Budreau con Kristin Scott Thomas e Stanley Tucci e Red Snake della francese Caroline Fourest “un film di guerra sulla guerra delle donne”.

Jasmine Trinca, al Festival la sera del 14 aprile, ritirerà l’Ulivo d’Oro alla Carriera e sarà protagonista di un incontro con il pubblico condotto da Laura Delli Colli; a seguire la proiezione del film Fortunata di Sergio Castellitto.

Durante il Festival del Cinema Europeo si rivedranno dieci dei suoi film più rappresentativi: La stanza del figlio di Nanni Moretti (2001),La meglio gioventù di Marco Tullio Giordana (2003), Il grande sogno di Michele Placido (2009), L’Apollonide di Bertrand Bonello (2011),Miele di Valeria Golino (2013), Un giorno devi andare di Giorgio Diritti (2013), Une autre vie di Emmanuel Mouret (2013), Nessuno si salva da solo di Sergio Castellitto (2015) The Gunman di Pierre Morel (2015), Fortunata di Sergio Castellitto (2017).

All’interno del festival, tra l’altro due importanti riconoscimenti. Sabato 14 aprile sarà anche la volta della IX edizione del Premio Mario Verdone, istituito dal Festival insieme alla Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia e al Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani, in accordo con la famiglia Verdone.  E per il sesto anno consecutivo, il Festival del Cinema Europeo, insieme al Centro Nazionale del Cortometraggio e d’intesa con la famiglia, attribuirà un Premio in memoria del regista Emidio Greco, con l’intento di premiare un giovane autore italiano (massimo 35 anni) per il suo talento nella realizzazione di un cortometraggio.

Come sempre nel ricco progamma di proiezioni la VETRINA FONDAZIONE CSC sezione che promuove alcune attività del Centro Sperimentale di Cinematografia, quali il restauro e la diffusione culturale con laCineteca Nazionale e la formazione con la Scuola Nazionale di Cinema e PUGLIA SHOW, tradizionale concorso riservato a giovani registi pugliesi under 35 anni, sezione curata da Luigi La Monica che anche quest’anno riserva la visione,  fuori concorso, dei cortometraggi: Anna e Bassam di Davide Rizzo (2017), La giornata di Pippo Mezzapesa (2017), Manichine di Maurizio Mazzotta (2017), Mi voleva Winspeare di Gianni Ippoliti (2018), Salent Movie di Peppino Ciraci (2018), Tabib di Carlo D’Ursi (2017), Volti nell’ombra di Fabrizio Pastore (2017), What God wants di Michele Innocente (2017).

Infine uno sguardo ai film in concorso.  Si tratta di dieci film in anteprima nazionale selezionati da Alberto La Monica e Luigi La Monica. Alcuni presentati dai registi o dagli attori protagonisti che incontreranno il pubblico al termine della proiezione.

La Giuria del Concorso Lungometraggi “Ulivo d’Oro”, presieduta da Beki Probst (Presidente European Film Market) e composta da Eleni Androutsopoulou (Selezionatrice Thessaloniki IFF), Adriana Chiesa Di Palma (Produttrice e distributrice), Antonella Gaeta (Giornalista e sceneggiatrice) e Dubravka Lakić (Critica cinematografica), assegnerà l’Ulivo d’Oro “Premio Cristina Soldano al Miglior Film”, il Premio Speciale della Giuria, il Premio per la Migliore Fotografia e il Premio per la Migliore Sceneggiatura. Sempre tra i film del Concorso, saranno assegnati anche il Premio FIPRESCI (Federazione Internazionale della Stampa Cinematografica), attribuito dalla Giuria composta da Marta Bałaga, Tim Lindemann ed Ignazio Senatore; il Premio Cineuropa attribuito dalla Giuria composta da Guillame Calop (Cofondatore di Less Arcs European Film Festival, Paris Coproduction Village, FestiCiné), Françoise Lentz (Responsabile promozione del Film Fund Luxembourg),Altijana Marić Đorđević (Capo della programmazione del Sarajevo Film Festival); il Premio del Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani per il Miglior Attore Europeo attribuito dalla Giuria presieduta da Laura Delli Colli; il Premio Agiscuola attribuito da una giuria di studenti delle scuole superiori di Lecce.

 

I FILM IN CONCORSO

Agape di Branko Schmidt (Croazia, 2017) racconta del rapporto proibito tra alcuni ragazzi in procinto di ricevere la cresima e il parroco Miran, che si trova ad affrontare il disprezzo della società.

Beyond Words di Urszula Antoniak (Olanda-Polonia, 2017) è la storia di Michael, emigrato dalla Polonia a Berlino, avvocato di successo, la cui vita viene messa a soqquadro da un bohémien polacco.

Cobain di Nanouk Leopold (Olanda-Belgio-Germania, 2018) è un film sull’amore incondizionato di Cobain per la madre, che conduce una vita instabile, e che lui, sentendosi responsabile, decide di salvare.

Darling, di Birgitte Stærmose (Danimarca, 2017), è una danzatrice danese di fama mondiale, che durante le prove di un balletto crolla a terra. La prognosi è chiara: la sua anca è irrimediabilmente fuori uso e non potrà danzare mai più…

Disappearance di Boudewijn Koole (Norvegia-Olanda, 2017), segue la storia di Roos una ragazza che ritrova la madre dopo numerose e profonde incomprensioni.

Pororoca di Constantin Popescu (Romania-Francia, 2017) narra il dramma di Cristina e Tudor, una coppia di trentenni con figli piccoli, che si trova ad affrontare la scomparsa della loro piccola Maria nel parco.

Scary Mother di Ana Urushadze (Georgia-Estonia, 2017), è la storia di una casalinga cinquantenne, Manana, divisa fra l’amore per la vita in famiglia e quello per la scrittura, che ha represso per anni.

3/4 Three Quarters di Ilian Metev (Bulgaria-Germania, 2017), è il ritratto di una famiglia, composta dal padre e dai suoi due figli, che a seguito della scomparsa della madre, cercano un nuovo equilibrio nell’ultima estate trascorsa insieme.

Yellow Heat di Fikret Reyhan (Turchia, 2017). Ibrahim, figlio di una famiglia di agricoltori tradizionalisti in difficoltà economica, sogna un futuro diverso, ma scopre che non è facile trasformare i sogni in realtà.

The Party’s Over di Marie Garel-Weiss (Francia, 2017) è la storia di una amicizia tra Céleste e Sihem, nata in centro di recupero. Amicizia che sarà la loro forza, ma anche un ostacolo fuori da un rifugio sicuro.

Da sempre il Festival del Cinema Europeo ha coinvolto i giovani, le scuole del territorio e l’università guardando al cinema come utile strumento didattico e formativo. Ogni giorno presso il Multisala Massimo sono previsti matinée riservati alle scuole dove gli studenti, al termine delle proiezioni, potranno dialogare con gli autori e gli attori delle pellicole.

Da questa edizione la Contessa Maria Josè di Pietroforte, che da sempre sostiene la manifestazione salentina, d’intesa con la direzione artistica ha deciso di offrire agli studenti dell’Università del Salento la possibilità di accedere gratuitamente alla proiezione di un film a loro scelta. I primi 300 studenti che si presenteranno alla cassa del Multisala Massimo, esibendo il tesserino universitario in regola, potranno usufruire del biglietto omaggio.

Riconoscere il cinema come importante fattore di promozione e di sviluppo culturale, economico e sociale, resterà sempre l’obiettivo primario del Festival del Cinema Europeo.

www.festivaldelcinemaeuropeo.com

 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Enjoy this blog? Please spread the word :)