Il gioco serio dell’Arte

RITORNA
IL GIOCO SERIO DELL’ARTE
V edizione dal 15 novembre 2010 al 30 maggio 2011

Roma, novembre 2010 – Il gioco serio dell’Arte, rassegna promossa da Il Gioco del Lotto – Lottomatica, ideata e condotta da Massimiliano Finazzer Flory,
giunta alla sua quinta edizione, riprende il prossimo lunedì 15 novembre 2010.

Otto incontri, con ben tre spettacoli teatrali, dal 15 novembre 2010 al 30 maggio 2011, animeranno il Salone Pietro da Cortona di Palazzo Barberini, che
risplende dopo i recenti lavori di restauro realizzati anche grazie ai Fondi del Il Gioco del Lotto.
L’evento più atteso il 17 gennaio 2011 presso l’Auditorium Parco della Musica dedicato al teatro con la messa in scena dello spettacolo “Il tempo di
Gustav Mahler”.

Il gioco serio dell’Arte, prosegue e si arricchisce nella contaminazione dei generi: arte, letteratura, teatro, filosofia si incontrano creativamente. Infatti al
centro della rassegna di quest’anno vi è l’incontro stesso. Ma che cos’è un incontro? “L’incontro nasce nella convergenza dei saperi e delle emozioni,
nell’introspezione e nelle forme della conversazione” spiega il curatore Massimiliano Finazzer Flory. “La musica, il cinema, la danza, la scultura, la
storia, la filosofia incarnano perciò una nuova forma di interdisciplinarietà, un vincente “art-mix” che si costruisce intorno a 8 parole-chiave: Ballare,
Convertire, Girare, Pensare, Perdere, Provocare, Ricordare, Scoprire. Parole che vogliamo pronunciare enfatizzando la loro ambiguità. Per scoprire che
ogni accezione negativa può rovesciarsi in positivo e viceversa”.

Il ricco palinsesto vede protagonisti nomi di altissimo rilievo sul piano artistico quali Eleonora Abbagnato, Elena Ghiaurov e Jeffrey Swann – questi ultimi
due interpreti dell’omaggio teatrale a Frederic Chopin con il quale si inaugura la rassegna, e grandi volti della scena culturale italiana: Ermanno
Bencivenga, Armando Massarenti, Mimmo Paladino, Michele Placido, Giovanni Reale, Sergio Romano e la Soprintendente per il Polo Museale della Città
di Roma Rossella Vodret.

A tutti gli incontri, come consuetudine, interverranno le storiche dell’arte Anna Lo Bianco e Angela Negro, alle quali è affidata la ricognizione
storico-artistica dei temi affrontati, con una panoramica su tutta l’arte europea e, in particolare, sulla collezione della Galleria Nazionale di Arte Antica in
Palazzo Barberini.

Si comincia LUNEDI’ 15 NOVEMBRE con un evento che celebra i 200 anni di CHOPIN, con gli interventi musicali dal vivo con il grande pianista Jeffrey
Swann e le letture teatrali di Elena Ghiaurov e Massimiliano Finazzer Flory sul rapporto tra Chopin e Sand. Le immagini dei ritratti di Delacroix dedicati a
Chopin e Sand verranno commentati dalla storica dell’arte Anna Lo Bianco.

Per l’occasione, lunedì 15 novembre dalle ore 16.30 fino alle 18.30 Il Gioco del Lotto offre la possibilità a tutti i partecipanti alla rassegna “Gioco serio
dell’arte” di visitare gratuitamente la Galleria Nazionale di Arte Antica in Palazzo Barberini, con le sale recentemente restaurate.

SCHEDA INFORMATIVA:

RASSEGNA:               GIOCO SERIO DELL’ARTE

LUOGO:          GALLERIA NAZIONALE D’ARTE ANTICA DI PALAZZO BARBERINI
via Quattro Fontane 13, Roma
CALENDARIO:
Lunedì 15 novembre 2010 ore 18.30       Perdere
Lunedì 13 dicembre 2010 ore 18.30       Provocare
Lunedì 28 febbraio 2011 ore 18.30               Girare
Lunedì 14 marzo 2011 ore 18.30          Ballare
Lunedì 18 aprile 2011 ore 18.30         Ricordare
Lunedì 9 maggio 2011 ore 18.30          Pensare
Lunedì 30 maggio 2011 ore 18.30         Scoprire

LUOGO:          Auditorium Parco della Musica   (Sala Petrassi)
Lunedì 17 gennaio 2011 ore 21.00   Convertire

Ingresso libero con prenotazione obbligatoria al n. tel. 392 8159509

INFORMAZIONI:   www.gruppolottomatica.it
www.finazzerflory.it

UFFICIO STAMPA:

Novella Mirri e Maria Bonmassar
tel. 06/32652596
ufficiostampa@novellamirri.it

UFFICIO STAMPA LOTTOMATICA:
Sabina De Mauro
06/ 51899450
ufficiostampa@lottomatica.it

PROGRAMMA

1.  Lunedì 15 novembre 2010 ore 18.30

Perdere

Fryderyk Chopin (1810-1849)
Il termine perdere ha un’accezione negativa. Ma cosa succederebbe se perdessimo pregiudizi e ideologie? Se potessimo liberarci, per esempio, del
peso dell’ispirazione per partire invece dalle cose così come sono? Non avremmo forse in questo modo una nuova forma di arte?
A 200 anni dalla nascita un omaggio a Fryderyk Chopin con la trasposizione teatrale del tormentoso rapporto con la scrittrice George Sand ricostruito
attraverso le lettere e gli scritti biografici.
Con il pianista Jeffrey Swann
Letture teatrali: Elena Ghiaurov  e Massimiliano Finazzer Flory
Con proiezione delle immagini dei ritratti di Eugène Delacroix dedicati a Chopin e George Sand

2.  Lunedì 13 dicembre 2010 ore 18.30

Provocare

Dalla provocazione alla vocazione. In un percorso che mette in rilievo non soltanto il lato notturno ma anche quello solare: il gesto artistico. Forse
perché, nel vero provocare, all’azione corrisponde una responsabilità del pensiero, tanto più quando si tratta della vita pubblica.
“La geometria non deve essere progettata come schema, è una geometria che deve nascere di volta in volta tra i rapporti che si creano spontaneamente
incontrollati tra una forma e l’altra”. È questa la provocazione dello scultore nel dare forma alla materia?
Con lo scultore Mimmo Paladino
Con esecuzioni musicali dal vivo

3.  Lunedì 17 gennaio 2011 ore 21.00
Auditorium Parco della Musica
(Sala Petrassi)

Convertire

Gustav Mahler (1860- 1911)
La conversione avviene sempre con un duplice passo: quello interiore e quello esteriore. Convertire è al medesimo tempo un atto d’amore e il fine di
un’esperienza di vita. E tutto questo (manca verbo) ogni volta che ci allontaniamo dal frastuono del mondo e riposiamo in un posto quieto e viviamo del
cielo, del canto, del silenzio…
Il tempo di Gustav Mahler
Spettacolo teatrale di e con Massimiliano Finazzer Flory
A cento anni dalla scomparsa del grande compositore uno spettacolo per ripercorrere la biografia di Gustav Mahler, segnata dall’irrequietudine e
attraversata dal fuoco del genio creativo, nel clima culturale della Vienna di fine secolo e dei primi ‘900.
Musica, atmosfere e suggestioni musicali dalle sinfonie e dai lieder di Mahler.
Con il musicologo Quirino Principe
Con coreografie di danza classica nell’interpretazione di Gilda Gelati

4.  Lunedì 28 febbraio 2011 ore 18.30

Girare

Quali significati si nascondono nell’atto del “girare”? Già, si pensi all’etimologico far ruotare o al metaforico “voltare pagina”. Dietro l’angolo può esservi
una verità celata da catturare… Che dire poi del mutare o del riorientare? O ancora dell’aggirare un ostacolo? Certo, si può anche girare con una macchina
da presa…
Quale rapporto intercorre fra interprete, autore e regista quando si gira un film? “L’ideale sarebbe – ci risponde Michele Placido –  mettere in scena se
stessi, nel senso di trovare un personaggio che medi alla tua natura e alla scrittura drammaturgica. Naturalmente non è facile perché non tutti i registi (o
non tutti gli autori) scrivono proprio sulla tua persona”.
Con il regista Michele Placido
Con la partecipazione della Soprintendente PSAE e per il Polo Museale della Città di Roma Rossella Vodret.
Con proiezione di sequenze cinematografiche

5.  Lunedì 14 marzo 2011 ore 18.30

Ballare

Che cos’è la danza? È forse volare? Ballare vuol dire divertire e divertirsi. E se torniamo all’etimologia latina di questo verbo, de vertere ovvero “volgere
altrove” , percepiamo che nel caso del ballo tutto ciò riguarda il corpo in movimento. Un movimento che raggiunge le stelle. Sarà forse per questo che si
parla di étoile della danza?
Scriveva Friedrich Nietsche ne Il crepuscolo degli idoli: “La danza in tutte le sue forme non può essere esclusa da una nobile educazione: danzare con i
piedi, con le idee, con le parole e, devo aggiungere, che bisogna essere capaci di danzare con la penna?”.
Con la prima ballerina dell’Opéra di Parigi Eleonora Abbagnato
Con proiezione di sequenze coreografiche

6.  Lunedì 18 aprile 2011 ore 18.30

Ricordare

I Promessi sposi di Alessandro Manzoni (1785-1873)
Qual è il significato più autentico del ricordare? Forse ha ragione Proust quando scrive che: “La parte migliore della nostra memoria è fuori di noi, nel
soffiare di un vento di pioggia, nell’odor di rinchiuso d’una camera o nell’odore d’una prima fiammata… Fuori di noi? In noi, per meglio dire, ma sottratta ai
nostri stessi sguardi, in un oblio più o meno prolungato”.
Nei 150 anni dell’Unità d’Italia la messa in scena di uno dei capolavori della letteratura italiana  per disegnare un grande affresco storico in cui
generazioni di italiani hanno ritrovato il riflesso dei loro sentimenti, delle loro tradizioni, delle loro virtù e dei loro difetti.
Nella complessa polifonia del romanzo, con l’alternarsi sapiente dei tempi, dai rossiniani crescendo ai memorabili adagi, l’incontro della Storia con le
piccole storie.
Con lo storico Sergio Romano
Letture teatrali Massimiliano Finazzer Flory

7.  Lunedì 9 maggio 2011 ore 18.30

Pensare

Pensare per immagini o per concetti? Falsa alternativa? Il pensare mette in gioco la questione dell’io, del soggetto che pensa. Vero è, come affermava
Pascal, che nel pensiero sta la grandezza dell’uomo.
Per Ermanno Bencivenga esiste “un’anima filosofica italiana”, un modo di pensare che vive dell’intreccio di logico e immaginazione. Perché nella nostra
tradizione il pensiero si sostanzia essenzialmente nello stile. Armando Massarenti ci invita a riflettere in ogni nuovo libro su quanto pensiero autonomo
ci sia, oggi, in questo modo di scrivere. Che dire, perciò, di quanti “girano intorno al pensiero e lo nascondono?”.
Con i filosofi Ermanno Bencivenga e Armando Massarenti

8.  Lunedì 30 maggio 2011 ore 18.30

Scoprire

La Primavera di Sandro Botticelli (1445- 1510)
Che cosa vuol dire scoprire? Se seguendo Heidegger traduciamo aletheia, invece che con verità, con svelatezza, allora tale traduzione non è più soltanto
qualcosa di letterale, ma comprende un enigmatico processo di svelamento dell’ente. Da qui nasce il piacere della scoperta indissociabile dal rovescio
della medaglia, il suo nascondimento.
Ne La Primavera di Botticelli è possibile dare voce e corpo a un’interpretazione misteriosa e affascinante che si cela in quest’opera, che da sempre si
presta a più letture, anche divergenti. Nel clima della cultura neoplatonica dell’epoca e nella nostra rilettura un garbato invito all’amore per lo studio, per
la bellezza e per le passioni dell’intelletto.
Con il filosofo Giovanni Reale
Con proiezione di sequenze del film Le Nozze nascoste o la Primavera di Sandro Botticelli di Elisabetta Sgarbi.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error

Enjoy this blog? Please spread the word :)