La Provincia racconta

La Provincia racconta. Incontro a Lecce il 15 marzo 2013 nella sala del Teatrino dell’ex convitto Palmieri

Incontro con Ilaria Guidantoni

Tunisi, taxi di sola andata, No Reply Editore

Nell’ambito della rassegna “La Provincia racconta” venerdì 15 marzo incontro con la giornalista e scrittrice Ilaria Guidantoni, autrice di “Tunisi, taxi di sola andata”, No Replay editore.

Dopo i saluti di Simona Manca– Vice Presidente Provincia di Lecce, ass. alla cultura, dialogherà con l’autrice Luigi De Luca -Direttore Istituto di culture Mediterranee Provincia di Lecce.

Tunisi, taxi di sola andata è un viaggio all’interno della capitale tunisina, ricercando e scoprendo i fermenti di una rivoluzione pacifica. Un’ opera narrativa italiana con interviste sia a esponenti della politica e cultura tunisina (tra cui Ràchid Rannouchi, Ahmed Hafiène e MounSef MarzouQì) sia a semplici cittadini, sia ai tassisti (i primi ad avvertire i cambiamenti) per comprendere paure e speranze di un popolo.

 

Ilaria Guidantoni racconta la sua Tunisia postrivoluzionaria in un reportage narrativo dove ricerca giornalistica e percorso di crescita personale si intrecciano alle voci di donne e uomini di cultura, dissidenti, politici, militanti, tassisti, commercianti, semplici cittadini.

Il lavoro è ricco di sfumature e suggestioni e racconta in presa diretta le emozioni che agitano un paese in profondo cambiamento.

La giovane Sophie, francese di origine italiana, protagonista del romanzo, si muove per le strade di Tunisi tra narrazione e informazione, ascoltando testimonianze, ricordi, racconti, paure e desideri dei molti interlocutori che incontra lungo il cammino. La prosa è talvolta descrittiva e vivace, ricca di suggestioni sensoriali legate a colori, odori e suoni che rimandano al paesaggio mediterraneo, ma in alcuni passaggi si fa di colpo più asciutta, con un periodare secco e puntuale, dallo stile giornalistico.

Lecce_15 marzo 2013_ ore 18.30_ Teatrino dell’ex convitto Palmieri

ingresso libero

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error

Enjoy this blog? Please spread the word :)