West Coast. Accattivante jazz

I Luoghi della Musica/spazio recensione

“WEAST COAST QUINTET FEAT. PAUL McCANDLESS”

Il nuovo album dalle diverse sfaccettature stilistiche. E con la suite “Cinque Terre” omaggio alla Liguria

di Stefano Dentice

 

Mood multicolore, ardente sound e vivacità espressiva: questa la summa di West Coast, album targato West Coast Quintet feat. Paul McCandless. Un cd contenente undici tracce frutto della creatività compositiva di Marco Cattani e Andrea Pellegrini, con una suite di cinque brani, dedicata alla Liguria, denominata Le Cinque Terre, siglata dal pianista Pellegrini.

Sei i brillanti musicisti che compongono la formazione: Francesco Desiato, Andrea Pellegrini, Marco Cattani, Mirco Capecchi, Michele Vannucci e lo special guest Paul McCandless, noto polistrumentista statunitense. Semplice è una composizione del chitarrista Cattani dedicata al compianto Nelson Mandela, dal tema sfavillante. Qui, il flautista Desiato, su uno  swing  ben condotto dal tandem  CapecchiVannucci, sviluppa un solo peculiare e stimolante, basato su un fraseggio autentico, incandescente e muscolare all’occorrenza. La latineggiante Emma e il Libeccio, scritta da Pellegrini, presenta un tema brioso. Francesco Desiato costruisce un solo palpitante, adornato da un fraseggio incalzante, iridescente e seducente. Paul McCandless, invece, si esprime con connaturata musicalità, elaborando un’improvvisazione fascinosa e carezzevole. Entrambi i solisti sono supportati dall’effervescente  groove jazz-samba del batterista Vannucci, che li sobilla continuativamente attraverso un drumming screziato e mai amorfo. Effetto Notte, a cura di Cattani, parte con una intro del contrabbassista  Capecchi che, vigorosamente, lascia spazio all’esposizione del tema da parte di McCandless e Desiato. In questa traccia Paul McCandless, senza snocciolare una pletora di note, estasia l’ascoltatore attraverso un solismo incardinato su un fraseggio etereo, sobrio, regale. Il flautista oritano, qui, espone la sua profonda ricerca armonica, melodica e sonora, che gli consente di partorire un’improvvisazione viscerale e singolare, improntata sul caratteristico humming. Dunque, West Coast risulta essere un album moderatamente manieristico, moderno ed elegantemente contaminato. Un disco nel quale la policromia compositiva, espressiva e sonora spadroneggia palpabilmente.

WEST COAST

WEST COAST QUINTET FEAT. PAUL McCANDLESS

Etichetta discografica: Poderino Recording

Anno produzione: 2014

FORMAZIONE

Paul McCandless (oboe, corno inglese e sax soprano), Francesco Desiato (flauti), Marco Cattani (chitarre), Andrea Pellegrini (pianoforte), Mirco Capecchi (contrabbasso), Michele Vannucci (batteria e percussioni)

TRACCE

SempliceMaceaEmma e il LibeccioRio MaggioreManarolaCornigliaVernazzaMonterosso al MareAl di là del MoloEffetto NotteNinna Nanna

 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error

Enjoy this blog? Please spread the word :)