Diario di un brutto anatroccolo approda in Romania

Continua la tournée internazionale dello spettacolo “Diario di un brutto anatroccolo” della salentina Factory compagnia transadriatica e della modenese Tir Danza, per la regia di Tonio De Nitto e la collaborazione al movimento coreografico di Annamaria De Filippi. Domenica 8 ottobre lo spettacolo sarà presentato (con una doppia replica alle 11 e alle 18) sul palco del Teatro Comic Opera di Bucarest nell’ambito del prestigioso festival internazionale di teatro per ragazzi “100, 1000, 1.000.000 Stories”. A luglio lo spettacolo ha conquistato, invece, due importanti riconoscimenti al Festival di Teatro Ragazzi di Kotor in Montenegro, una tra le più importanti manifestazioni europee dedicate al teatro per bambini e giovani. Lo spettacolo si è aggiudicato il premio della giuria “Città di Kotor” e il riconoscimento per la migliore interpretazione con Francesca De Pasquale, l’anatroccolo-cigno protagonista con Ilaria Carlucci, Fabio Tinella e Luca Pastore.

Diario di un brutto anatroccolo – che ha già all’attivo una sessantina di repliche nei principali festival e teatri italiani e che nei prossimi mesi sarà, tra gli altri appuntamenti, alla Fira de Igualada di Barcellona e al Festival vetrina internazionale Segni d’infanzia di Mantova – coniuga il teatro e la danza a partire da un classico per l’infanzia di Andersen. Uno spettacolo attraverso il quale Factory continua l’indagine sul tema della diversità/identità e dell’integrazione attraverso un linguaggio semplice ed evocativo.
 Un anatroccolo oltre Andersen che attraversa varie tappe della vita e compie un vero viaggio di formazione alla ricerca di se stesso e del proprio posto nel mondo e alla scoperta della diversità come elemento qualificante e prezioso. La nascita e il rifiuto da parte della famiglia, la scuola e il bullismo, il mondo del lavoro, l’amore che arriva inatteso e che presto può scomparire, la caccia e poi la guerra come orrore inspiegabile agli occhi di chiunque, tappe di un mondo ostile, forse, ma che resterà tale solo sino a quando il nostro “anatroccolo” non sarà in grado di guardarsi negli occhi e accettarsi così come è, proprio come accade all’anatroccolo della fiaba di Andersen che specchiandosi nel lago scopre la propria vera identità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error

Enjoy this blog? Please spread the word :)