Stregati dalla musica. I fratelli Spedicato vincitore di Funder 35

Educare all’ascolto e risvegliare la passione per la tradizione del belcanto italiano: obiettivo #lamusicapertutti, anche attraverso supporti audio video, utilizzo della lingua dei segni e spettacoli interattivi. Un metodo vincente quello di Stregati dalla musica che emerge ormai anche su scala nazionale, per le scelte di innovazione tecnologica e inclusione sociale, oltreché per i contenuti di qualità, riconosciuti, tra l’altro, dal riscontro avuto dalla straordinaria partecipazione di pubblico. Il programma di didattica e teatro musicale più grande del sud Italia per numero di partecipanti, promosso dall’associazione leccese Orpheo, è tra i 62 progetti vincitori di Funder 35, il bando annuale sostenuto da 18 fondazioni – 17 di origine bancaria e la Fondazione Con il Sud – rivolto alle realtà non profit composte in prevalenza da under 35 e impegnate principalmente nell’ambito della produzione culturale e creativa in tutte le sue forme.
Mercoledì 17 gennaio a Roma, presso il ministero dei Beni e delle Attività culturali, ci sarà l’evento di presentazione dei risultati del bando con la premiazione delle imprese culturali finanziate, alla presenza dei loro rappresentanti.

Per Stregati dalla musica ci saranno i musicisti leccesi Francesco e Matteo Spedicato autori del progetto “Tito – Il cantante piccoletto” con cui lo scorso anno, con la direzione musicale del M° Eliseo Castrignanò, lo spettacolo ha debuttato nelle scuole, riaccendendo la memoria e l’entusiasmo dell’intero Salento sulla figura dell’usignolo leccese Tito Schipa, con un libro, materiali didattici ed uno spettacolo musicale che ha portato a teatro, tra marzo ed aprile scorsi, oltre 16mila bambini e ragazzi salentini.

Con l’edizione 2017/2018 il programma si arricchisce di un nuovo progetto a firma dei maestri leccesi, i fratelli Francesco e Matteo Spedicato: un’accattivante rivisitazione della celebre opera “L’Elisir d’amore”. Sono partiti dalla scrittura di una nuova versione, decisamente easy, del “libretto” operistico firmato da Felice Romani per le musiche di Gaetano Donizetti, facendolo diventare il punto di partenza per la costruzione del percorso didattico e dello spettacolo che porteranno in scena la prossima primavera.

In questo modo il programma Stregati dalla musica, che quest’anno coinvolgerà complessivamente oltre 20mila tra bambini e ragazzi, si definisce ancora meglio come vero e proprio metodo di didattica musicale che mira ad avvicinare al teatro musicale e alla tradizione del bel canto italiano i giovani di età scolare, con l’obiettivo di prepararli al meglio in classe perché possano partecipare in modo consapevole, attivo ed interattivo, come pubblico, allo spettacolo finale. Gli obiettivi si perseguono anche attraverso:
• Innovazione tecnologica, con la realizzazione di supporti audio e video originali, tra cui video-tutorial adattabili alla strumentazione già presente nelle scuole (come LIM, PC, ecc.)
• Azioni di inclusione sociale, a favore, per esempio, degli studenti diversamente abili, attraverso la realizzazione di audiolibri, traduzioni nella lingua dei segni (gli spettacoli saranno sottotitolati LIS già dalla prossima primavera) e attività sensoriali.
Per la realizzazione di questi obiettivi l’associazione Orpheo è stata selezionata tra i vincitori del bando Funder 35. Si tratta dell’unico progetto del capoluogo salentino ammesso a finanziamento (con 25mila euro), insieme ad altri due della provincia di Lecce. In tutto sette i progetti pugliesi vincitori (con 255mila  euro totali).

Il metodo originale del programma Stregati dalla musica  è ormai richiesto ben oltre il territorio di partenza, tant’è che quest’anno sarà applicato anche a Roma, coinvolgendo bambini e ragazzi della scuola primaria e secondaria dell’Istituto Filippo Smaldone, in particolare con il progetto “Tito – Il cantante piccoletto”.

Al netto del progetto nelle scuole, lo spettacolo “Tito il cantante piccoletto”, finora andato in scena solo a marzo ed aprile scorsi nei teatri del Salento, in via del tutto esclusiva per gli alunni delle scuole partecipanti al progetto, e lo scorso giugno per il Festival Classiche Forme di Beatrice Rana in una special edition adattata al teatro ipogeo “Bacile” di Spongano (Le), si prepara adesso a debuttare su nuovi palcoscenici, a partire da quello del Teatro Umberto Giordano di Foggia, il prossimo 25 febbraio.

(fonte: comunicato stampa)

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error

Enjoy this blog? Please spread the word :)