LE ORE DELLA DONNA

LE ORE DELLA DONNA Storie e immagini nella collezione di ceramiche attiche e magnogreche di Intesa Sanpaolo

Napoli, Galleria di Palazzo Zevallos Stigliano

 

 

Donne, madri di famiglia ma anche  bellissime etére, colte “cortigiane”, o le donne del mito, Amazzoni e Menadi.
Seducenti e straordinarie ceramiche, dallo scorso 29 settembre e fino al 3 aprile, hanno trovato spazio nei nobili saloni di Palazzo Zevallos Stigliano, su via Toledo, nel cuore di Napoli.
Primo evento di un ciclo, Il Tempo dell’Antico, mostre dedicate all’archeologia,  l’esposizione “Le ore della donna” ha voluto raccontare le donne vissute tra la Grecia e la Magna Grecia, tra V e il III secolo avanti Cristo, i loro sogni, il loro modo di amare e di vivere, il tutto filtrato dagli occhi degli uomini, gli artisti ceramisti che realizzarono e dipinsero le ceramiche della collezione che Intesa Sanpaolo, nella propria  sede espositiva, ha voluto condividere con il grande pubblico.

 

L’eccezione, l’unica nota – spiegano gli organizzatori, è quella documentata in una kalpis attribuita al “Pittore di Leningrado”. Il pezzo illustra l’interno di una bottega di ceramisti e mostra al lavoro proprio una donna intenta a decorare un vaso.
Tutte le ceramiche esposte (una trentina rigorosamente selezionate) provengono dalla collezione Intesa Sanpaolo, una tra le più importanti al mondo, ricca di ben 522 reperti provenienti da Ruvo di Puglia, importante centro dell’antica Apulia.
Inaugurata un anno fa alle Gallerie di Palazzo Leoni Montanari, sede museale di Intesa Sanpaolo a Vicenza, l’esposizione partenopea si è arricchita di due  vasi concessi in prestito dal Museo Archeologico Nazionale di Napoli, anch’essi provenienti, come le ceramiche di Intesa Sanpaolo, dalle tombe di Ruvo. Si tratta di due esemplari straordinari, per la raffinatezza di esecuzione e per le storie del mito narrate, che vedono protagoniste due donne, Medea e Cassandra, il cui ruolo e le cui vicende appaiono in antitesi: donna innamorata, maga e madre crudele le prima, sacerdotessa vergine la seconda, entrambe comunque segnate da un destino cruento e violento.
Il rapporto con il Museo Archeologico Nazionale di Napoli avrà un seguito oltre a questa mostra: alcuni vasi della preziosa collezione del Museo saranno restaurati nell’ambito del progetto Restituzioni 2013, il programma di restauri che vede Intesa Sanpaolo al fianco delle Soprintendenza italiane nella salvaguardia del patrimonio artistico del Paese.
Ma le sorprese non finiscono qui, ancora per pochi giorni sarà dunque possibile vedere le donne dell’antichità meravigliosamente ritratte dai maestri ceramisti “dialogare” con una donna d’eccezione presente a palazzo Zevallos: stiamo parlando di Sant’Orsola raffigurata da Caravaggio, la splendida tela che è il capolavoro delle collezioni della Banca.

 

Ultima nota, ad ideare questo singolare percorso culturale mirato alla conoscenza e alla valorizzazione della collezione vascolare di Banca Intesa è stata una donna, Fatima Terzo, responsabile dei Beni culturali di Intesa Sanpaolo, scomparsa nel maggio del 2009 e alla cui memoria la rassegna è stata doverosamente dedicata. (a.f.)

Le ore della donna. Storie e immagini nella collezione di ceramiche attiche e magnogreche di Intesa Sanpaolo è aperta al pubblico dal 29 settembre 2010 al 3 aprile 2011, da martedì a domenica (lunedì chiuso) dalle 10 alle 18.
Ingresso gratuito alla mostra riservato ai clienti del Gruppo Intesa Sanpaolo ogni prima domenica del mese.
Informazioni: www.palazzozevallos.com

 

nelle foto: Hydria (kalpis) Attica a figure rosse. Donna intenta a dipingere un createre (part.) Pittore di Leningrado, 470-460 a. C. Collezione Intesa San Paolo

Cratere a volute apulo a figure rosse Raffigurazione: Fanciulle alla fonte e ammazzonomachia Officina del Pittore di Baltimora, 330-310 a.C.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error

Enjoy this blog? Please spread the word :)