Otto artisti alla Raucci Santamaria di Napoli

Colletiva d’arte, dal 29 Marzo al 3 Maggio 2013, negli spazi della GALLERIA RAUCCI/SANTAMARIA         

Gallery A, Gallery B: “From where I come … maybe … I don’t’ know”

 

STEVEN BALDI – DANILO CORREALE  – CHARLES MAYTON – PETER LIVERSIDGE  – DAVID JABLONOWSKI  – ANTHONY PEARSON  – VALERIE SNOBECK – ERIK WYSOCAN

 

Spesso un’immagine può essere oscura o impenetrabile alla naturale investigazione che deriva dalla curiosità che si attiva proprio perchè resistente ad una immediata lettura.

Questo vale anche per gli oggetti che la compongono e formalmente potrebbero abbracciare ogni tipo di medium: pittura, scultura, fotografia o installazione.

La resistenza alla penetrazione  ha un suo motivo e molte volte è implicitamente connesso al processo di analisi e di ricerca che sono parte integrante dell’opera e alla quantità di dati che essa contiene.

La capacità di sintesi delle informazioni è un punto distintivo e  derivato da attitudini che ciascun artista applica nella formalizzazione  dell’immagine finale. Nello stesso modo essa diventa anche risultato di esperienze personali e di pensieri legati alla vita reale.

 

 

L’espressione finale di questo processo è avvertita maggiormente quanto più alto è il grado di sincerità e onestà intellettuale che ne ha determinato la forma e dal grado di sensibilità di cui l’artista è portatore. Altrettanto vero è però che l’arte non può prescindere dall’affascinazione, che ne è parte integrante,  per cui questa è avvertita solo se il contenuto nell’oggetto dell’investigazione non appare immediatamente visibile. Alcune volte la definizione formale può essere astratta e la natura originale dell’investigazione essere molto distante dalla sua origine, oppure  il risultato di continue elaborazioni investigative. Tutto ciò determina che  l’interesse si diriga naturalmente al processo costitutivo che produce la forma finale dell’opera e che la scelta dei materiali ed il linguaggio  siano idonei ad indirizzare le informazioni che la  rappresentano.

Per quale motivo si prediliga una forma oppure un materiale o perchè la curiosità ci spinga ad osservare alcune cose e a ignorarne altre non ha un unica risposta. Ma ciò che è sicuro e che la curiosità è legata ad un’evoluzione  del nostro pensiero e ad un costante percorso educativo del nostro senso estetico ed etico, ad una continua lettura di modelli espressi da altri artisti e confrontati tra loro anche in virtù  di una lettura storica. E’ però altrettanto vero che si intraprendono nuovi percorsi e che alcune volte sia l’indeterminatezza e il non percepire la fine della strada  ad essere il sale contenuto nel percorso e a determinare il risultato finale.  Ciò che appare evidente è l’oggetto e molte volte può essere estraneo e alieno dall’originaria spinta emotiva e razionale che lo ha generato ma pur sempre disponibile a connessioni aperte ad  altri oggetti e a molteplici letture interpretative agli occhi di chi guardi.

 

 

 

 

Inaugurazione venerdi 29 Marzo 2013 – dalle 15 alle 19

 

GALLERIA RAUCCI/SANTAMARIA                                    

 

Corso Amedeo di Savoia 190 – 80136 Napoli

 

phone +39 0817443645 fax +39 0817442407

 

www.raucciesantamaria.com

(fonte: comunicato stampa)

 

error

Enjoy this blog? Please spread the word :)