A Sternatia il Salento incontra il Gargano

Seconda tappa della Notte della Taranta. A Sternatia, nella villa comunale, il 7 agosto 2013

Ghetonìa, Dario Muci e Rione Junno 

Dopo Corigliano d’Otranto, il festival itinerante “La Notte della Taranta” fa tappa a Sternatia, mercoledì 7 agosto alle 21.30 nella Villa Comunale. La cittadina grika ospita la seconda, delle quindici tappe, tessendo la tela musicale che porterà il 24 agosto al Concertone finale di Melpignano.

Ad aprire lo spettacolo saranno i Ghetonìa, gruppo che, da oltre vent’anni, si dedica allo studio della musica grecanica. La formazione proporrà canti che raccontano una terra fatta di dure fatiche nei campi, di antiche tradizioni, di suoni, profumi e sapori.
A Sternatia anche Dario Muci, voce molto interessante della tradizione salentina che sa passare con versatilità dai canti popolari alle sonorità jazz. L’artista, legato a doppio filo alla cultura di questa terra- prima discepolo in una sala da barba dove cantare era una consuetudine consolidata e ora  cantante apprezzato- si esibirà insieme al suo gruppo proponendo i
brani del suo ultimo album “Rutulì” uscito appena un mese fa.
In scena porterà canti tradizionali in italiano e in dialetto, importati da altre aree geografiche d’Italia durante le guerre e le migrazioni e divenuti nel corso dei decenni canti della tradizione salentina.
I brani sono arrangiati dal maestro Antonio Calzolaro. Ospite del gruppo, nella tappa di Sternatia: Giancarlo Paglialunga, cantore di Santa Maria al Bagno che in alcuni brani accompagnerà con la sua voce il gruppo di Dario Muci.
La tradizione garganica incontra il Salento con Rione Junno, quartiere di Monte Sant’Angelo nel foggiano, da cui provengono i componenti del gruppo. A suggellare l’incontro tra tradizioni di Terra di Puglia è il tamburello,
formidabile strumento che scandisce ritmi sonori di straordinari viaggi musicali.

Durante la seconda tappa de “La Notte della Taranta” a Sternatia, il Festival ospiterà lo spettacolo di Koreja “Il pasto della tarantola” che si terrà nel Chiostro del convento Domenicani, via Brigida Ancora, n.42 (Municipio) a partire dalle 19.30 per tre turni di un’ora ciascuno ospitando gratuitamente un totale di 90 spettatori. Ingresso gratuito (info:
328/8912211).
(fonte: comunicato stampa)


SCHEDE ARTISTI

GHETONÌA
Nati nel 1992 dall’idea di Roberto Licci, Salvatore Cotardo e Pierangelo
Colucci, “ispirati” durante un viaggio che da Brindisi li conduceva a
Patrasso, i Ghetonìa intendono recuperare le antiche tradizioni musicali e
culturali locali attraverso la fusione tra ritmi “pizzicati” e suoni jazz.
Alla formazione base nel corso degli anni si sono aggiunti Emanuele Licci,
Admir Shkurtaj, Franco Nuzzo, Massimo Pinca. Il gruppo si è esibito sui
palchi di tutta Italia e anche all’estero, soprattutto in Grecia, ma anche
nei Balcani, a Cuba e negli Usa dove sono stati invitati dal World Music
Institute.

DARIO MUCI
La sua storia inizia nelle sale da barba del Salento (da discepolo del
maestro Luigi Stifani di Nardò) per poi approdare alla musica dove porta  il
repertorio suonato nelle sale da barba del Salento (i saloni). Dal 1997 si
occupa di ricerca etnomusicale apprendendo direttamente dagli anziani i
testi della tradizione popolare salentina. Ha  collaborato a progetti jazz,
world ed elettronica cantando tra gli altri con Paolo Fresu.
Nel giugno del 2013 è uscito il terzo album “Rutulì – Barberia e canti del
Salento” dove ripropone i canti “narrativi” del territorio.

RIONE JUNNO
Rione Junno è un gruppo costituito da giovani interpreti esperti nelle
tecniche musicali tipiche dello stile garganico. Proprio Monte Sant’Angelo e
il suo Rione Junno costituiscono il punto di partenza della ricerca della
formazione che ha riscoperto storia e usanze di uno dei centri maggiormente
legati alla magia del tamburello e della chitarra battente. Il percorso di
Rione Junno inizia concretamente nel 2002 quando entra stabilmente in
“Taranta Power”, il movimento fondato da Eugenio Bennato, con le prime
incisioni e collaborazioni discografiche e numerosissime tournée in Italia
ed all’estero.

error

Enjoy this blog? Please spread the word :)