Ritratti di paesi, mari e città

Fino al 1°marzo a Firenze, Palazzo Pitti

Quattro secoli di storia per immagini

“Ritratti di paesi, mari e città”, la mostra allestita nella Sala delle Nicchie di Palazzo Pitti sarà eccezionalmente prorogata fino al prossimo 1 marzo 2015 in virtù del notevole flusso di visitatori che in questi giorni sta visitando l’evento espositivo che abbraccia ben quatro secoli di storia, raccontati per immagini  del territorio, mappe, carte geografiche, ed eventi storici quali feste e battaglie.

Un lungo percorso che parte dalla trascrizione pittorica dei vari episodi della Battaglia di Scannagallo legati alla trionfale affermazione medicea da parte del fiammingo Jan van der Straet detto Giovanni Stradano.

Qui si trovano anche le immagini dedicata alla topografia della guerra, con due straordinarie Battaglie di Willelm van de Velde il vecchio.
Ma l’uso della prospettiva, unita alla rappresentazione fedele degli elementi vegetali del paesaggio, possono avere anche scopi diversi: ad esempio nella tavola attribuita a Biagio d’Antonio – che inaugura la sezione dedicata alla devozione per i luoghi – raffigurante San Francesco che riceve le stimmate, la resa fedele del paesaggio è funzionale a sostenere il devoto durante un ideale pellegrinaggio verso la Verna. Poco più di un secolo dopo, nella Firenze medicea, la città monumentale è protagonista nelle immagini che, su tre lunette raffiguranti delle scene processionali, con la precisione di una cronaca ricordano il popolo fiorentino coralmente impegnato a ottenere l’intervento divino a sostegno della dinastia granducale.
La veduta topografica e la cartografia moderna, nata nel secolo XV, sono qui invece evocate da una tombola seicentesca approntata dall’erudito Casimire Freschot per istruire giocosamente in geografia e nella lettura delle mappe i giovani patrizi veneziani.
Il percorso va poi a toccare il tema della veduta tout court che prese ad affermarsi nel XVII secolo, quando la conoscenza dei luoghi storicamente cruciali, Roma in primis, diviene un elemento necessario nel bagaglio culturale di un principe europeo. In questo periodo nascono immagini come le miniature di Lievin Cruyl, disegnate con una cura lenticolare nel riprodurre tutte le caratteristiche delle vie e delle piazze della città eterna. È in questo contesto che si diffondono le vedute panoramiche, di formato oblungo e rese precise dall’uso della camera ottica, di cui sono testimonianza quelle qui esposte, realizzate da Gaspar van Wittel (Vanvitelli). In questa sezione – spiegano gli organizzatori –  è presente anche una serie di tavolette, la serie delle sette meraviglie del mondo antico, esemplificative di un particolare settore del vedutismo il quale parte dalla pagina scritta, e non da un monumento reale, per dare corpo alla veduta stessa.
Nell’antico regime la veduta permise anche di fissare avvenimenti di svago e di gioco facendone poi partecipi le corti legate per parentela e amicizia. Così, attraverso un’impostazione prospettica semplificata, ma funzionale alla narrazione, le due vedute di Jacob Schlachter ci squadernano le cruente feste di caccia della corte di Mannheim mentre quella di Tommaso Gherardini ritrae il Palio dell’antenna nel porto mediceo di Livorno.
Le più recenti vedute qui esposte, quasi alla vigilia dell’invenzione della fotografia, sono le telette con i più celebri luoghi napoletani dipinte per essere viste in controluce e per essere montate sulle finestre delle stanze private della granduchessa Maria Antonia di Borbone, all’indomani del suo arrivo a Firenze da Napoli.

red. Arte e Luoghi

error

Enjoy this blog? Please spread the word :)