Esistenza e figurazione: Fight, la prima personale di Silvia Recchia

Si intitola Fight la prima personale di Silvia Recchia, a cura di Marinilde Giannandrea, che si apre venerdì 13 ottobre 2017, alle ore 19:30 nel Centro Culturale Scaramuzza Arte Contemporanea a Lecce, in Via Libertini, 70.
Quattordici tele che raccontano le potenzialità del colore e della pittura in un’oscillazione tra fantasmi di figurazione e ricerca astratta mettendo in movimento una dimensione soprattutto esistenziale.
È una ricerca interiore pervasa da una sensazione di fragilità, anche se condotta con la forza e la determinazione di una lotta con se stessa. Le opere possono essere lette come un diario intimo ma anche come meccanismi di riflessione sulla forma e sui linguaggi poiché l’artista pugliese, oltre a scoprire le potenzialità autonome del colore, ha operato una ricerca artigianale sulle tele e sperimentato nuove tecniche raggiungendo soluzioni sempre armoniche con una pittura pervasa costantemente da una tensione poetica e, in certi casi, sensuale. Si avvertono soprattutto ritmi biologici e psichici e le opere comunicano una sensibilità che affiora anche nei titoli in cui si sente l’eco di un mondo di conoscenze, affetti, dolori e sfumature emotive sospese tra esperienza del sé, desiderio e immaginazione.
“La leggerezza dell’essere” una frase ormai stereotipata che continua a reiterarsi dopo aver visto i lavori di Silvia Recchia.- commenta l’artista Fernando De Filippi, presidente dell’Accademia di Belle Arti di Lecce – Delicate apparizioni di forme e colori che suggeriscono corpi e/o paesaggi appena accennati, sfuggenti, pronti a negare la propria forma per divenire pura astrazione. […] Wolf diceva “Vedere è chiudere gli occhi”, sintetizzando così la ricerca del senso di ciò che è latente e impercettibile, che non si confronta con nulla di già esistente e che è forse la più autentica delle realtà, quella dello spirito”

Nata a Castellana Grotte (BA), nel 1985, Silvia Recchia lavora essenzialmente con la pittura e si concentra su meccanismi apparentemente fragili ma che denotano tensioni e passioni sottese. Si è formata all’Accademia di Belle Arti di Lecce e dal 2011 ha partecipato a una serie di mostre collettive tra cui: Ausmurzen – giornata della Memoria a cura di Rosanna Gesualdo presso Fabrica H24; Ad Astra per Aspera (2014), mostra bipersonale con Giancarlo Nunziato al Casello 97, Lecce; Con/Divisione, a cura di Carmelo Cipriani nella galleria Scaramuzza Arte Contemporanea di Lecce (2015). Nel 2016 ha partecipato ad Amarcord presso il castello Carlo V di Monopoli in occasione del cinquantesimo anniversario dell’Ex Istituto Statale D’Arte Luigi Russo di Monopoli e nel 2017 è stata tra gli artisti segnalati del Premio Casciaro di Ortelle.

 

Dal 13 ottobre 2017 all’11 novembre
Lecce, Centro Culturale Scaramuzza Arte Contemporanea
Via Libertini, 70
dal martedì alla domenica ore 16.30-20.30 (ingresso gratuito)
per info o appuntamento: scaramuzza.artecontemporanea@gmail.com
telefono: 3932118913 – 3297325036

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error

Enjoy this blog? Please spread the word :)