World press photo 2019 al Mann di Napoli

foto guida della campagna di comunicazione (Agenzia Getty Image)

In occasione della iniziativa Domenica al museo sarà possibile visitare la quarta edizione del World press photo in esposizione al Mann – Museo archeologico nazionale fino all’11 novembre

NAPOLI. Mancano pochi giorni alla chiusura della quarta edizione napoletana del World press photo (prevista l’11 novembre) e coloro che ancora non hanno visitato l’esposizione del 2019 possono farlo domenica 3 novembre nella giornata nazionale dei musei aperti. La mostra di fotogiornalismo più importante al mondo è ospitata infatti nell’atrio del Mann Museo archeologico nazionale che rientra nella iniziativa “Domenica al Museo” promossa dal ministero per i beni e le Attività Culturali e per il Turismo che prevede l’ingresso gratuito nei luoghi della cultura dello Stato, ogni prima domenica del mese.

Apre il percorso della installazione dei 144 scatti la Photo of The Year 2019: “Crying Girl on the Border” di John Moore (Getty Image), l’immagine di una bambina honduregna di due anni che piange disperatamente mentre sua madre viene perquisita da un agente della polizia di frontiera americana al confine con il Messico. La tappa partenopea è organizzata da CIME in partnership con il MANN. Ogni anno, migliaia di fotoreporter delle maggiori testate editoriali internazionali come National Geographic, BBC, CNN, Le Monde, El Pais si contendono il titolo nelle diverse categorie del concorso di fotogiornalismo. Le foto vincitrici di quest’anno sono state scelte tra i 78.801 scatti di 4.738 fotografi che hanno partecipato al concorso da 129 paesi diversi. La novità di quest’anno è il premio World Press Photo Story of the Year, assegnato all’olandese Pieter Ten Hoopen con il progetto The Migrant Caravan: un foto-racconto, realizzato tra ottobre e novembre 2018, dedicato all’immigrazione ed alla più grande carovana di migranti partita dall’Honduras e diretta negli Stati Uniti.

(fonte: comunicato stampa)

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error

Enjoy this blog? Please spread the word :)