Le iniziative online del Museo Musja

Da oggi su Spotify sarà possibile ascoltare la prima playlist del Museo ispirata alle opere della mostra The Dark Side – Chi ha paura del buio? e che sarà arricchita nel tempo con i suggerimenti degli utenti. E ancora il cruciverba, per giocare con le definizioni sulla mostra e sulla collezione Jacorossi; i contributi di artisti ed esperti e l’invito ai  visitatori a raccontare la propria esperienza al Museo.

Mantenere vivo il dialogo per restare insieme anche a distanza. È lo spirito che anima le iniziative online del Museo Musja, chiuso al pubblico per le misure di contenimento dell’emergenza sanitaria in corso, ma attivo sui propri canali social con giochi, musica e tanta interazione.

Il palinsesto online è ideato nel segno del più ampio coinvolgimento, allo scopo di condividere cultura divertendosi insieme. Di giorno in giorno sarà possibile scoprire curiosità e approfondimenti sulla mostra “The Dark Side – Chi ha paura del buio?” e sulle opere della collezione Jacorossi. 

Con il cruciverbasi potrà giocare con le definizioni legate alla mostra e ai suoi artisti, indovinando le parole che raccontano il mondo di Musja e quello di altri musei e partner vicini e lontani.

E ancora Musj(c)a, la prima playlist del Museo su Spotify, che presenta canzoni ispirate alle opere esposte e a quelle della collezione: dal tunnel incenerito di Gregor Schneider che rievoca le note di “I’m on fire” di Bruce Springsteen, fino alle grottesche maschere di Monster Chetwynd, accostate alle note scanzonate dei Tre allegri ragazzi morti. La playlist sarà arricchita nel tempo anche con brani suggeriti dagli utenti, diventando un modo per conoscere le opere e condividere in musica le sensazioni che queste evocano.

Le iniziative online saranno animate inoltre dai contributi degli artisti, degli studiosi e dei tanti amici del Museo, compreso il pubblico che ha visitato la mostra e che sarà invitato a condividere foto, suggestioni e riflessioni sulla propria esperienza.

(fonte: comunicato stampa)

Please follow and like us:
Tweet 20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error

Enjoy this blog? Please spread the word :)