#ritornoallaprimavera Appuntamento in giardino

Al via la quarta edizione dal 5 al 6 giugno della manifestazione promossa da Apgi Associazione Parchi e e Giardini d’Italia

“Appuntamento in Giardino” torna nella sua quarta edizione sabato 5 e domenica 6 giugno. In tutta Italia oltre 150 giardini, alcuni aperti in via eccezionale, potranno essere visitati nell’ambito dell’iniziativa promossa da APGI-Associazione Parchi e Giardini d’Italia, con il sostegno di Ales e il patrocinio del Ministero della Cultura.

Una “festa del giardino”  per far “riscoprire” la sorprendente ricchezza storica, artistica, botanica e paesaggistica dei giardini italianidai grandi siti storici ai piccoli giardini privati. Una serie di incontri, eventi, letture e attività speciali come offerta culturale rivolta a tutta la famiglia. E tra le novità  l’iniziativa fotografica lanciata su Instagram, dal titolo: Ritorno alla Primavera che ha l’obiettivo di costruire un racconto per immagini delle due giornate. Saranno protagonisti la bellezza della natura che si riapre alla vita e i giardini che tornano ad essere un luogo di cultura e socialità. Per poter partecipare è necessario utilizzare l’hashtag #ritornoallaprimavera taggando i giardini che hanno aderito all’iniziativa.

“La cultura sta guidando la ripartenza del Paese”, ha dichiarato il ministro Dario Franceschini sottolineando come “il Recovery plan introduce risorse fondamentali per valorizzare il patrimonio culturale italiano e le sue eccellenze come i parchi e i giardini storici italiani”.

L’evento offrirà anche l’opportunità di informare il grande pubblico sulle attività necessarie a curare, restaurare e proteggere i giardini, in vista di un grande piano di valorizzazione nazionale. Un auspicio che trova finalmente riscontro nel Piano nazionale di ripresa e resilienza, che contiene misure in favore del patrimonio dei parchi e giardini italiani.

“Una scelta che riconosce lo statuto e la dignità storica e artistica dei giardini italiani, oltre al loro straordinario valore ambientale e paesaggistico” ha sottolineato l’Ambasciatore Ludovico Ortona, Presidente APGI.

Alesquale socio fondatore di APGI, – dichiara Mario De Simoni Presidente e Ad Ales Spa– ne sostiene con forza l’azione, a sottolineare la piena appartenenza di parchi e giardini al nostro patrimonio culturale”.

La manifestazione, che conta sulla partecipazione pressoché di tutte le regioni d’Italia, si svolgerà in contemporanea in numerosi Paesi europei in collaborazione con l’iniziativa Rendez-vous aux jardins, a testimonianza dell’attenzione sempre maggiore riservata, anche a livello internazionale, al patrimonio verde.

Nel 40 % dei casi si tratta di aperture straordinarie: un’occasione per ammirare giardini normalmente non aperti al pubblico o aperti solo in occasioni particolari, come a Buggiano Castello, dove saranno aperti eccezionalmente gli orti di Agrumi e i giardini segreti del Borgo. Parteciperanno all’iniziativa anche alcuni importanti siti Unesco, come Villa Adriana e Villa D’Este, le Regge di Caserta e della Venaria Reale o il Giardino di Boboli.

Ampia, inoltre, la partecipazione di Dimore storiche private, che apriranno i propri prestigiosi giardini, come ad esempio le Ville Torrigiani in LucchesiaTiepolo Passi in Veneto o la Rocca Meli Lupi di Soragna. In molti casi saranno gli stessi proprietari, direttori o responsabili dei giardini ad accogliere i visitatori, per raccontare la storia del giardino e l’impegno quotidiano necessario a garantirne la sopravvivenza: sarà così, ad esempio, nel parco ottocentesco del Castello Roero di Monticello d’Alba, o in Villa della Porta Bozzolo – FAI. In altri casi, invece, come nel Castello ducale di Agliè, sarà il giardiniere del complesso museale a far scoprire ai visitatori gli alberi monumentali. Numerosi anche gli Orti Botanici, come quelli di Roma, Napoli, Bologna, Torino e alcuni orti botanici alpini.

L’apertura dei giardini – per loro stessa natura piccoli ecosistemi, nonché precisi ‘sensori’ dei cambiamenti ambientali – sarà, inoltre, una preziosa occasione per sensibilizzare i visitatori sui temi dell’ambiente e della sostenibilità come nelParco sostenibile di Villa Trecci, dove i visitatori saranno accolti dai proprietari.

Moltissime le attività speciali proposte per questo evento: alle tradizionali visite guidate si aggiungono laboratori, lezioni di yoga, corsi di pittura botanica, degustazioni, e momenti musicali, come ad esempio presso la Villa medicea di Cerreto Guidi, dove l’Accademia degli Archi di San Miniato Basso allieterà la visita con magiche note sotto il glicine secolare. Numerosi anche i percorsi sensoriali.

Appuntamento in giardino sarà anche l’occasione per presentare al pubblico importanti restauri, come quello del patrimonio vegetale degli Horti Farnesiani o della Fontana Margherita nella Reggia di Caserta.

La dimensione produttiva -e con essa i temi della biodiversità e sostenibilità – è quest’anno protagonista in alcuni giardini del Meridione, come nel Conservatorio Botanico Pomona in Salento, dove si potranno ammirare collezioni di fruttifere arboree, o a Favara Maredolce a Palermo, dove si parlerà di tecniche e biodiversità dell’antica agrumicoltura siciliana. Un tema che ritorna anche nell’Orto sul Colle dell’Infinito – FAI di Recanati, dove si ripercorrerà la vicenda storica degli orti urbani.

Ad Appuntamento in Giardino ha aderito anche “Interno Verde Parma”, la manifestazione che permette di esplorare i più suggestivi e curiosi giardini privati del centro storico parmigiano, attraverso i quali è possibile leggere la storia, i cambiamenti e i vissuti della città, Capitale italiana della Cultura 2020-21

Tutte le informazioni e i giardini aderenti sul sito https://www.apgi.it/appuntamento-in-giardino/

e sui canali social APGI (FB, IG, TW).

Lascia un commento

error

Enjoy this blog? Please spread the word :)