“Di un romanzo ai tempi di Instagram, e di una storia d’amore” di Alice Gransassi Ferretti

ladevotalettrice | Le recensioni

Lucia Accoto

Guardarsi ancora e ancora. Gli occhi sanno parlare e raccontano cose che restano, spesso, bloccate in gola. Ci sono momenti di labbra che andrebbero consumati con la voce. Baciarsi con le parole, con un confronto alla pari, diretto, dirompente, prepotente, vero, sincero. Ecco, parlare a due a volte è come un bacio. Eppure, è lo sguardo che cerchiamo.

Gli occhi svelano ciò che resta taciuto. Quando si ama non si cammina mai a testa bassa, si ha più di un motivo per vedere oltre come se da un momento all’altro cambiasse il mondo. Guardarsi, in amore, significa spalancare le braccia alle emozioni. Accogliere e sentire il profumo della felicità, di ciò che è bello e ci fa star bene. Guardarsi è anche il momento della verità, che non sfugge anche se vorremmo essere in fuga dall’evidenza. Non serve a nulla mettere delle pezze sui tagli che le storie complicate, autentiche, hanno sempre e comunque. Le favole esistono nei libri e nella fantasia. La favola la viviamo nell’istante in cui ciò che vogliamo sia fiato, respiro, farfalle nello stomaco, sorrisi. Guardare, invece, le cose come stanno quando non vanno bene porta il freddo nel cuore. Si deve scendere in fondo al disfacimento di se stessi per uscirne, nuovi. Per guardare e guardarsi ancora.
In Di un romanzo ai tempi di Instagram, e di una storia d’amore di Alice Gransassi Ferretti respiri tutto quello che ruota attorno all’amore. Ad un amore tra una psicologa e un editore. Un amore fatto di tante cose, di lasciate e prese, di condivisione, di ostinazione, di sguardi, di poche parole e di tante altre sputate per rabbia. Nessuno dei due dimentica, si fanno un po’ più in là per vivere e respirare. Per guardarsi ancora e ancora.
Il romanzo è ben strutturato. Lo stile narrativo è avvolgente. La scrittrice sa come coinvolgere il lettore e portarlo dentro alla storia senza alcuna forzatura. Sorprendenti i colpi di scena, non sono mai abbastanza. Quando il racconto pare appianato dai fatti tutto è ribaltato. Nulla è scontato, tutto è emozione. Non puoi cambiare niente, solo sentire le vertigini dell’amore.

error

Enjoy this blog? Please spread the word :)