I gioielli di Gianni De Benedittis

 

FUGADAFERMO

I gioielli di Gianni De Benedittis

per la Maison Gattinoni

Domenica 29 gennaio 2012 – ore 12.00

S. SPIRITO IN SASSIA – Sala Lancisi

Borgo S. Spirito, 2 – ROMA

 

 

Si chiama Fugadafermo la nuova linea di gioielli che Gianni De Benedittis del brand futuroRemoto (vincitore nel 2007, per la gioielleria, del concorso Who is on Next? di AltaRoma e VOGUE Italia) ha disegnato e creato per la collezione Alta Moda P/E 2012 di Guillermo Mariotto della Maison Gattinoni.

Un nuovo Rinascimento è possibile! Attraverso un efficace recupero delle emozioni e quindi della memoria, oggi sempre più compromessa da frequenti deleghe verso unità esterne di raccolta dati; grazie alla magica intuizione e sensibilità del creativo, pronto a intercettare arcane tradizioni di stile presso culture lontane, nel tempo e nello spazio, anche quello cosmico, per reinterpretare l’eleganza di linee e forme, talvolta misteriose, che da sempre sono appartenute anche a un detail of the dress come il gioiello.

Piccole sculture cinetiche, dall’allure avveniristica, gli orecchini in argento e in oro. Grandi ma leggeri gli anelli in argento, dove strutture geometriche regolari rivisitano il volume degli antichi templi Maya, alla cui cultura si rifà anche lo splendido centrale, sempre in argento, che riproduce il rinomato calendario, presago, inoltre, della tanto attesa e temuta “svolta epocale”.

 

 

Ai disegni capolavoro di Leonardo sull’anatomia si ispirano tre anelli in oro e diamanti, must have della collezione: Memoria genetica, dove un piccolo feto umano dalle fogge tornite è racchiuso nella cavità lucida di una mezza placenta orlata di diamanti, sortendo eleganti effetti optical e Memoria cerebrale (in due versioni) dove  un cervello troneggia solenne prima in una silhouette di rubini e poi nel tuttotondo, di una testa umana. In oro e diamanti anche il prezioso Fan Ring (anello ventilatore), un giocoso soffio glam di estate e l’anello Snorkeling, un divertissement stilistico ricorrente in quella produzione di De Benedittis ispirata al ready made di ascendenza surreale.

(fonte: comunicato stampa)

error

Enjoy this blog? Please spread the word :)