Giuseppe Puppo rende omaggio a Carmelo Bene

 

Presentato il progetto dell’opera teatrale dedicata al Maestro salentino che andrà in scena il 30 settembre ad Aradeo

Come va? Non c’è Bene, grazie!

di Antonietta Fulvio

 

Ricordare Carmelo Bene nella dimensione a lui più congeniale: il teatro.

E mentre si snocciolano come grani di un rosario gli eventi del Festival dedicato al Maestro salentino, a dieci anni dalla morte, nel Sud del Sud ad Aradeo si fa sostanza un progetto organizzato dall’associazione “Cultura è spettacolo” e patrocinato dal Comune di Lecce.    “Come va? Non c’è Bene, grazie!” il titolo dell’opera teatrale  scritta da Giuseppe Puppo giornalista, scrittore e drammaturgo nato a Lecce ma torinese d’adozione.

Il suo incontro con il teatro ha un nome, Sandra Maggio, attrice di origini gallipoline interprete di  Voglio combattere ancora! – Attualità di Filippo Tommaso Marinetti opera che segna l’esordio di Puppo drammaturgo, scritta in occasione del centenario del Manifesto del Futurismo. La stessa Maggio, insieme a Patricia Le Goff e il poeta Manlio Bich, ha poi interpretato “Scene di incontri decisivi. Pier Paolo Pasolini con Ezra Pound, con Maria Callas e gli studenti due giorni prima di morire ”  secondo lavoro teatrale scritto sulla base di documenti inediti, documenti biografici e  ricordi personali essendo stato  lo stesso autore il 31 ottobre 1975, tra gli studenti del Liceo Classico “Palmieri” e, dunque, testimone dell’ultima conversazione tenuta da Pasolini due giorni prima di morire.

Le celebrazioni in ricordo del salentino Carmelo Bene sono l’occasione per ritornare a scrivere per il teatro e motivo per ritornare nella sua città natale Lecce, perché senza radici non si va da nessuna parte.

 

“Come va? Non c’è Bene, grazie!” sarà prodotta dal Teatro “Domenico Modugno” di Aradeo, grazie al contributo della locale amministrazione comunale e, dalla stessa città salentina avrà inizio il prossimo 30 settembre il tour che la porterà in giro per i teatri più prestigiosi del Belpaese.

Ad illustrare il progetto, nella conferenza stampa svoltasi venerdì 27 aprile,  sono intervenuti  Rosario Marrone assessore alla Cultura di Aradeo, Angelo Scardia presidente dell’associazione “Cultura è Spettacolo”, Mariarosaria Ferilli referente per l’associazione socio-culturale  “Io sud” il giornalista e scrittore Giuseppe Puppo e  l’attore Michele Bovino che interpreterà il magistrato inquirente scaraventato al centro di  una vicenda– l’avvenuta morte di Carmelo Bene – di cui ignora vita e arte.

Il magistrato d’origine romana, ma da poco trasferito nel Salento, sta per recarsi in Tribunale – racconta l’autore. Una puntatina veloce perché lo attende un aereo per Parigi, ma una serie di telefonate, via via sempre più autorevoli, lo costringono a rinunciare al viaggio e a mettersi subito al lavoro in merito ad alcuni procedimenti penali e civili pendenti e rimasti inevasi sulla eredità contesa dagli eredi e alla morte sospetta dello stesso Carmelo Bene. Catapultato in quello che sembra essere un incubo sospeso tra realtà e sogno, in aiuto del magistrato compariranno sulla scena alcune figure emblematiche: l’usciere muto, interpretato dallo stesso Puppo che si ritaglia una piccola presenza scenica di sapore allegorico; la musa inquietante interpretata da Sandra Maggio avrà il compito di rivelare i personaggi della carriera di Bene attraverso evocazioni di testi, monologhi spettacolari come quello a proposito del Sud del Sud dei Santi; la fata sapiente che guiderà il magistrato e con lui gli spettatori alla conoscenza del Maestro (attrice non ancora individuata dal regista Michele Lupo). Sarà invece Gabriella Monteduro darà voce a Fonè che avrà il compito di far sentire la tecnica recitativa inventata dal Maestro: il ritmo del farsi dire, il linguaggio della frantumazione attraverso alcune tra le interpretazioni più significative, infine il dubbio amletico (ruolo ricoperto a rotazione da un altro attore della compagnia) ma null’altro è stato svelato perché  tutto sarà chiaro quando – è il caso di dirlo – si alzerà il sipario. La regia è affidata ad Antonio Lupo.

 

Note biografiche

Giuseppe Puppo (Lecce, 26 novembre 1957) è un giornalista e scrittore italiano.
Inizia la carriera di giornalista da ragazzo, nella redazione del settimanale Voce del Sud, sotto la guida di Ernesto Alvino. Trasferitosi a Torino, giornalista dal 1987, si è occupato di attualità, costume e cultura, e ha raccontato e interpretato, fra l’altro, l’ultima conferenza pubblica di Pier Paolo Pasolini, di cui fu testimone; il Karaoke di Fiorello; la difficile integrazione a Torino prima dei meridionali e poi degli extracomunitari.
Ha inoltre raccolto in un saggio gli ultimi articoli di Ezra Pound scritti “Per il Popolo di Alessandria”.

Ha collaborato a varie testate giornalistiche come Roma, Il Secolo d’Italia, Il Borghese, L’Italia settimanale ed altre, e collabora con l’associazione culturale “Poesia attiva”.
Per la Regione Piemonte ha curato parte del progetto “Obiettivo minori – educazione all’uso consapevole delle nuove tecnologie”.
Con l’avvento di internet, pubblica con la licenza creative commons il saggio “Ritratti del Novecento” e il romanzo “La notte il cielo è rosso”, resi disponibili in lettura gratuita sul suo sito web www.giuseppepuppo.it
Dal 2009, inizia l’attività di autore di teatro di parola: presenta in varie località lo spettacolo Voglio combattere ancora! – Attualità di Filippo Tommaso Marinetti interpretato dall’attrice Sandra Maggio.
Nel 2011 parte la tournèe del suo nuovo spettacolo teatrale Pier Paolo Pasolini, Scene di incontri decisivi una rilettura volutamente provocatoria dell’uomo e dell’opera, con le attrici Sandra Maggio e Patricia Le Goff e il poeta Manlio Bich

Altre opere

“Dieci anni dopo. Dal fallimento della contestazione del ’68 alla costruzione dell’alternativa al sistema”, Chieti, Marino Solfanelli Editore, 1978, con prefazione di Marco Tarchi

“Storia del Movimento sociale”, Torino, 1992, Massimo Massano Editore

“Breviario d’amore”, Roma, Azimutlibri, 2006, con prefazione di Pietrangelo Buttafuoco ISBN 88-6003-025-0

“Ottanta metri di mistero La tragica morte di Edoardo Agnelli”, Roma, Koinè nuove edizioni, 2009, con prefazione di Ferdinando Imposimato ISBN 88-87509-93-X

“Metafisica del bunga bunga”, Torino, Etimpresa, 2011, con prefazione di Carlo Gambescia
IBSN 8895311191 e 9788895311197

Sito web ufficiale:
www.giuseppepuppo.it

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Enjoy this blog? Please spread the word :)