Lecce nascosta |Palazzo de Noha-Famularo

Girovagando| Arte e Luoghi

Lecce Nascosta

a cura di Mario Cazzato

 

Palazzo de Noha-Famularo, il più grande di Lecce, è di origine medievale.

L’andamento convesso della sua lunghissima facciata sembra fatto apposta per nascondere il suo ricco passato plurisecolare.

Qui dal trecento passarono e vi abitarono vescovi e badesse, fieri guerrieri, vi passò Roberto Caracciolo il grande predicatore, che fu seppellito nell’attiguo convento di San Francesco della Scarpa.

Qui Gian Giacomo dell’Acaya che andava a trovare la figlia Adriana sposa del barone Vincenzo Maria de Noha e forse intervenne sulla struttura dello stesso palazzo.

Durante questi lavori fu demolita l’antichissima cappella dei SS. Cosma e Damiano, che era in corrispondenza del giardino, proprio di fronte all’ingresso dell’attuale palazzo Tamborino, qui nel 1847 furono trovati “ossami e vasi di creta del genere di quelli che si trovano a Rudiae”.

Nel 1770 il barone Ippazio de Marco fece eseguire il grandioso cortile quadrangolare da Emanuele Manieri. Già allora esisteva un grande giardino.

 

Il palazzo passò nell’Ottocento ai Guarini e quindi ai Marulli che vi abitarono fino al 1874.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error

Enjoy this blog? Please spread the word :)